Home Blog

Google Pixel 3a potrebbe essere lanciato a breve

0
Google Pixel 3a potrebbe essere lanciato a breve

Meno di 6 mesi dopo aver lanciato Pixel 3 e Pixel 3 XL, Google si sta preparando a rilasciare un altro paio di telefoni col proprio marchio. Secondo recenti indiscrezioni, infatti, questi nuovi device potrebbero essere chiamati Pixel 3a e Pixel 3a XL (o Pixel 3 Lite e Pixel 3 XL Lite). Anche se non sappiamo ancora quando verranno annunciati i due dispositivi, potrebbe accadere in un prossimo e recente futuro.

Hiroshi Lockheimer, vicepresidente senior di Google per Android, ha nominato un “telefono non ancora pubblicato” su Twitter. Più esattamente, Lockheimer ha riferito di aver scattato alcune foto con questo misterioso device, ma che probabilmente non dovrebbe condividerle. Se il funzionario di Google è pronto a rivelare ulteriori dettagli, possiamo già formulare alcune ipotesi su questo telefono.

Google Pixel 3a potrebbe essere lanciato a breve %name TechNinja

Il signor Lockheimer ha utilizzato il device non ancora rilasciato durante una visita in un luogo di importanza storica per l’industria tecnologica di oggi. Poiché ha scattato solo foto con questo dispositivo, è probabile che non abbia portato con sé nessun altro portatile. Quindi, stiamo dando per scontato che questo misterioso smartphone sia quello che Hiroshi Lockheimer utilizza attualmente nel proprio quotidiano. Questo potrebbe significare che il device è vicino ad un lancio ufficiale ed è in fase di test approfondito in scenari reali.

La divisione di fascia media della serie Google Pixel 3

Sul web sono già apparsi render e foto pronte a mostrare Google Pixel 3a e Pixel 3a XL e il dispositivo inedito di Hiroshi Lockheimer è, probabilmente, uno di questi. I due smartphone somigliano molto a Pixel 3 e Pixel 3 XL, anche se il modello più grande non ha una tacca (come nel caso del Pixel 3 XL).

A differenza dei normali modelli Pixel 3, realizzati in metallo e vetro, il duo Pixel 3a potrebbe essere stato realizzato in plastica di policarbonato, in modo da contenere i costi di produzione. Un’altra differenza fisica è legata ai display: Google Pixel 3a e 3a XL potrebbero disporre di schermi 1080 x 2220 pixel che misurano rispettivamente 5.6 e 6.0 pollici. Il normale Pixel 3 ha uno schermo da 5.5 pollici con 1080 x 2160 pixel, mentre il modello 3 XL è dotato di un display da 6.3 pollici, con risoluzione 1440 x 2960 pixel.

Pixel 3a e Pixel 3a XL non saranno potenti come il duo Pixel 3 (che beneficia della velocità del processore Snapdragon 845 di fascia alta di Qualcomm). Questo perché Pixel 3a ha un processore Snapdragon 670, mentre il Pixel 3a XL può contenere un processore Snapdragon 710 leggermente superiore: entrambi sono discreti, ma porteranno i device ad avere prestazioni di fascia media. Processori a parte, è stato detto che i due imminenti telefoni Google saranno dotati di 4 GB di RAM e 64 GB di spazio di archiviazione, il che è perfetto per dispositivi non di fascia alta.

Nonostante la loro natura di fascia media, i Pixel 3a e Pixel 3a XL potrebbero essere in grado di offrire ottime prestazioni fotografiche. Si dice che i portatili includeranno le stesse fotocamere posteriori da 12 MP che si trovano all’interno di Pixel 3 e Pixel 3 XL, tra le migliori in circolazione. Un’altra buona notizia, almeno per alcuni utenti, è che la linea Pixel 3a, presumibilmente, includerà cuffie jack da 3.5 mm. Tuttavia, é improbabile che i nuovi Pixel siano resistenti alla polvere e all’acqua.

Prezzo e data di rilascio di Google Pixel 3a

Pixel 3a e Pixel 3a XL potrebbero essere annunciati durante il prossimo grande evento di Google, Google I / O 2019, che si terrà dal 7 al 9 maggio a Mountain View, in California, vicino alla sede centrale di Google. Entrambi i device saranno probabilmente in vendita poco dopo.

I nuovi smartphone Pixel dovrebbero essere rilasciati sia sbloccati che tramite Verizon Wireless. Google Pixel 3a potrebbe essere venduto ad un prezzo compreso tra i 400 e i 450 dollari, mentre il modello più grande Pixel 3a XL potrebbe avere un prezzo compreso tra i 500 e i 550 dollari.

Apple perde l’ingegnere Gerard Williams

0
Apple perde l'ingegnere Gerard Williams

Apple ha perso un membro chiave del team di architettura della piattaforma. Secondo un nuovo rapporto di CNET, Gerard Williams III ha lasciato Apple dopo ben nove anni in azienda. Williams ha lavorato come senior director nell’architettura della piattaforma.

Si dice che l’ingegnere abbia guidato lo sviluppo di numerosi processori della serie A, a partire dal chip A7 64 bit e finendo con l’A12X. Il processore A7 è stato utilizzato per la prima volta all’interno di iPhone 5S nel 2013, mentre l’A12X si trova nella generazione attuale della linea iPad Pro. Prima di entrare in Apple nel 2010, Williams aveva lavorato presso ARM per 12 anni.

Negli ultimi anni, CNET afferma che il ruolo di Williams si era evoluto fino ad includere la supervisione del layout dei processori Apple:

Negli ultimi anni, le responsabilità di Williams sono cresciute, dalla guida della progettazione dei core CPU personalizzati per i chip Apple fino alla supervisionare del layout delle varie parti del sistema su chip o SoC all’interno dei dispositivi mobili dell’azienda.

È un fatto piuttosto standard per i progettisti di chip avere sempre più funzionalità alle quali dedicarsi, come il cervello della CPU del dispositivo, la grafica e la memoria della GPU, oltre ad occuparsi del miglioramento della durata della batteria e della riduzione delle dimensioni dei chip.

Tuttavia, Williams non è l’unico della piattaforma architettonica ad aver lasciato Apple negli ultimi anni.

All’inizio di quest’anno, circolavano le voci che l’SVP di Hardware Technologies di Apple, Johnny Srouji, fosse nella lista dei candidati per l’allora CEO di Intel. Alla fine, tuttavia, questo non è avvenuto; Intel nominò Robert Swan come nuovo CEO.

La partenza di Williams è un evento notevole per Apple che si sta concentrando sempre di più sul proprio silicio personalizzato. Williams è stato nominato in oltre 60 brevetti per Apple ed è probabile che il suo lavoro verrà visto nei futuri processori Apple che devono ancora essere rilasciati pubblicamente.

Apple sta cercando modi per migliorare le fotografie subacquee di iPhone

0
Apple sta cercando modi per migliorare le fotografie subacquee di iPhone

Gli utenti avventurosi di iPhone che desiderano utilizzare i propri dispositivi per scattare fotografie sott’acqua potrebbero ottenere risultati migliori in futuro. Sembra, infatti, che Apple stia esplorando diversi modi per regolare automaticamente un’immagine quando lo smartphone è immerso nell’acqua, in modo da offrire la migliore immagine possibile.

La fotografia subacquea non è un concetto nuovo; l’idea è stata utilizzata da fotografi sia professionisti che dilettanti per produrre alcuni scatti fantasiosi, oltre a mostrare cose che semplicemente non possono essere viste sopra l’acqua, come i pesci che nuotano intorno una barriera corallina. Con il progredire della tecnologia, il numero di dispositivi resistenti all’acqua è aumentato, rendendo praticamente possibile a chiunque il provare a scattare una fotografia mentre ci si immerge.


Nonostante la facilità di scattare foto subacquee, il fatto che le fotocamere siano progettate per lavorare in condizioni ideali, come all’aria aperta con luci brillanti, significa che i risultati dall’interno dell’acqua potrebbero essere deludenti. La minore quantità di luce e la visibilità ridotta, così come le differenze nel colore della luce, possono creare un’immagine molto al di sotto delle aspettative dell’utente. Apple stessa suggerisce che le immagini potrebbero assumere una “dominante di colore verdastro indesiderato”.


In una domanda di brevetto pubblicata dall’ufficio brevetti e marchi degli Stati Uniti, intitolato “Dispositivi elettronici sommergibili con capacità di imaging”, Apple propone un sistema in grado di rilevare automaticamente quando una fotografia viene scattata sott’acqua; in questo caso, il dispositivo esegue una serie di modifiche all’immagine per migliorarne l’aspetto generale.

Apple sta cercando modi per migliorare le fotografie subacquee di iPhone %name TechNinja

Una volta che il dispositivo rileva che l’utente è sott’acqua, viene utilizzato un assortimento di sensori per determinare cosa deve essere modificato in un’immagine. Questi ultimi possono includere un sensore di luce ambientale a colori che potrebbe essere usato per misurare gli spettri di luce ambientale sopra e sott’acqua e potrebbe determinare quanta luce viene assorbita dall’acqua, influenzando così lo scatto.
Altri sensori, inclusi sensori di profondità, distanza, pressione ed orientamento, possono essere usati anche per scoprire altri oggetti, come la torbidezza dell’acqua, quanto è al di sotto della superficie del dispositivo e quanto è lontano il soggetto dall’obiettivo. La luce retrodiffusa, inoltre, potrebbe anche essere utilizzata da un rilevatore di luce per scoprire l’oscurità dell’acqua.


Tenendo conto di tutti questi dati, il sistema potrebbe apportare modifiche all’immagine, compreso il cambiamento del colore per attenuare la luce assorbita o riflessa dalla superficie dell’acqua, il colore dell’acqua stessa in luoghi naturali e per migliorare il soggetto nei casi in cui l’acqua torbida possa renderlo più difficile da vedere.

Apple sta cercando modi per migliorare le fotografie subacquee di iPhone %name TechNinja

Apple archivia numerose domande di brevetto con l’USPTO su base settimanale e, anche se non vi è alcuna garanzia che tali idee possano apparire nei futuri prodotti Apple, i documenti rivelano certamente alcune delle aree di interesse dell’azienda.


Nel caso di questa domanda di brevetto, é del tutto plausibile che un sistema di filtro delle immagini che mitighi le acque sotterranee venga offerto come parte di un aggiornamento software per i modelli di iPhone con rating di resistenza all’acqua.


Sezioni come il rilevamento della distanza, al di fuori della fotografia computazionale o l’utilizzo del sistema di telecamere a doppia lente su alcuni modelli, possono essere migliorate aggiungendo un sensore capace di mappare la profondità sul retro.

Le attuali indiscrezioni suggeriscono che gli iPhone 2019 potrebbero utilizzare un sistema a tripla fotocamera con un sensore di imaging capace di mappare la profondità, uno che potrebbe essere potenzialmente utilizzato per applicazioni di realtà aumentata e per una migliore fotografia di ritratto.

Apple Watch ECG arriva finalmente nel cuore dell’Europa

0
Apple Watch ECG arriva finalmente nel cuore dell'Europa

Dopo aver debuttato negli Stati Uniti lo scorso autunno, la funzione di elettrocardiogramma (ECG) di Apple Watch Series 4 è finalmente disponibile per i cittadini Europei.

La capacità di monitorare l’attività elettrica del cuore di chi lo indossa ha appena debuttato in 20 paesi aggiuntivi e richiede solo l’aggiornamento a watchOS 5.2.

Abbiamo visto come la funzione di ECG e le notifiche sul ritmo irregolare di Apple Watch abbiano un impatto significativo sui nostri clienti negli Stati Uniti.

ha dichiarato Jeff Williams, COO di Apple, in una dichiarazione.

Siamo entusiasti di portare questa funzionalità ai clienti in Europa e ad Hong Kong, dando loro l’accesso ad informazioni che potenziano la loro salute cardiaca.

Controlla il tuo cuore

La funzionalità ECG è abilitata dagli elettrodi nel cristallo posteriore di Apple Watch e nella corona digitale. Quando un utente punta il dito su quest’ultimo, si forma un circuito che consente all’orologio di leggere il ritmo del proprio cuore in soli 30 secondi.

La funzione di notifica ritmica irregolare controlla, occasionalmente, il ritmo cardiaco in background e invia una notifica se è sufficientemente irregolare da consentire la fibrillazione atriale (AFib). Questo è il principale vantaggio dell’ECG di Apple Watch: la fibrillazione atriale (AFib) è la forma più comune o il ritmo cardiaco irregolare. Il problema, che spesso non viene rilevato, comporta un aumento del rischio di insufficienza cardiaca e ictus.

Apple Watch ECG in Europa

La funzione di elettrocardiogramma e’ disponibile in 19 paesi europei, tra cui Francia, Germania, Italia, Spagna e Regno Unito.

Questa funzione richiede l’hardware integrato presente solo nell’Apple Watch Serie 4 introdotto lo scorso autunno; non è disponibile nelle versioni precedenti.

Samsung svela il Galaxy A70

0
Samsung svela il Galaxy A70

Accanto alla sua serie di punta, Galaxy S, Samsung ha anche realizzato la linea Galaxy A che offre specifiche rispettabili a prezzi ragionevoli, fornendo allo stesso tempo un’impressione generale di stile. Oggi, Samsung ha presentato l’ultimo membro di questa famiglia, il Galaxy A70.

Dopo aver lanciato, questo mese, i modelli A50, 30 e 10 più economici, appare questo quarto device che appare il migliore dei quattro; all’interno di questo dispositivo, infatti, sono presenti diversi hardware e software di punta di Samsung.

Le caratteristiche

In particolare, è dotato di vivaci fotocamere posteriori e anteriori da 32 MP, con due ulteriori obiettivi sul retro: un sensore F.2.2 da 123 ° 8 MP ultra-wide ed un obiettivo da 5 MP di profondità. A 6.7 pollici, lo schermo ha una dimensione diagonale maggiore rispetto al Galaxy S10 +, ma a causa del suo rapporto di aspetto 20: 9, il Galaxy A70 apparirà ancora più piccolo del suo fratello più costoso. L’enorme batteria da 4.500 mAh ha una capacità superiore a quella di molti flagship e, dati i recenti miglioramenti del software Samsung, dovrebbe durare più di un giorno.

Per quanto riguarda il software, il dispositivo viene fornito con l’ultima versione di Android e l’interfaccia utente One di Samsung che si è dimostrata un valido miglioramento nel software precedente dell’azienda.

Una sorpresa piuttosto sgradevole è il lettore di impronte digitali in-display che risulta molto piú lento rispetto a quello sul retro del Galaxy S9. Non è ancora chiaro se si tratta di uno scanner ad ultrasuoni o ottico.

Nel complesso, l’A70 rappresenta un telefono di fascia media; molto presto si avranno maggiori informazioni sulla disponibilità e il prezzo del device, probabilmente durante l’evento Galaxy A programmato per il 10 aprile.

Samsung svela il Galaxy A70 %name TechNinja

Tutte le novità in casa Apple

0
Tutte le novità in casa Apple
Apple CEO Tim Cook speaks at the Steve Jobs Theater during an event to announce new products Monday, March 25, 2019, in Cupertino, Calif. (AP Photo/Tony Avelar)

L’attesissimo evento relativo ai servizi di Apple non ha deluso in due specifici aspetti. Per prima cosa, erano molte celebrità presenti; in secondo luogo, sono stati annunciati diversi nuovi servizi.

Evento Apple

Apple ha aperto l’evento con diversi importanti aggiornamenti ad applicazioni e servizi esistenti, a partire da una nuova offerta di abbonamento a riviste e giornali, chiamata Apple News +. Poi, è arrivata una nuova carta di credito, Apple Card, un servizio di gioco completamente nuovo, Apple Arcade e, quindi, la nuova app di Apple TV ed il nuovissimo servizio Apple TV +.

News Apple +

Tim Cook ha aperto l’evento con una piccola storia su come gli piace andare in edicola e guardare tutte le copertine delle riviste. Questo è curioso perché è sempre più difficile trovare un’edicola, il che probabilmente è il motivo per cui Apple ha parlato di arruolare più di 300 riviste, tra cui National Geographic, Popular Science, Billboard, The New Yorker, Sports Illustrated, New York Magazine e Variety, per il suo nuovo Programma Apple News +. Il nuovo servizio verrà visualizzato come una nuova scheda all’interno dell’app Apple News; la nuova scheda si presenta, essenzialmente, come una versione ridisegnata di Texture, un servizio di abbonamento ad una rivista digitale che Apple ha acquisito l’anno scorso.

Tutte le novità in casa Apple mjvzzbg9fnxw8b6lorw5 TechNinja

Apple News + è piuttosto semplice. Al costo di 10 dollari al mese, si avrà l’accesso a tutte le riviste e ad alcuni giornali, tra cui The Los Angeles Times e The Wall Street Journal. A quanto pare, non sarà possibile avere l’accesso al New York Times o al Washington Post, dal momento che Apple voleva mantenere metà delle quote di abbonamento. Apple News + funzionerà su iPhone, iPad e Mac; Apple afferma anche che il nuovo servizio di abbonamento non consentirà agli inserzionisti di tenere traccia di ciò che viene letto e, di conseguenza, non verranno indirizzati gli annunci.

Apple News + sarà disponibile attraverso un aggiornamento del software. È possibile ottenere una prova gratuita di un mese dopo l’aggiornamento e, poi, il costo sarà di 10 dollari al mese. È possibile ottenere la condivisione in famiglia per un massimo di sei membri inclusi, il che rende il servizio piuttosto economico.

Apple Card

Tim Cook afferma che Apple Pay ha un incredibile successo, tanto che Apple lo sta espandendo offrendo la propria carta di credito (con l’aiuto di Goldman Sachs). Per ora, la nuova Apple Card esiste solo in forma digitale all’interno di Apple Wallet, ma entro la fine dell’estate sarà disponibile una carta fisica in titanio. La nuova card sarà tutta bianca e presenterà un piccolo logo Apple; tuttavia, non saranno presenti i dati personali per garantire maggiore privacy. Le informazioni saranno disponibili nell’app Apple Wallet.

Tutte le novità in casa Apple cjz7ctwqwznr9csj9cxg TechNinja

La nuova Apple Card suona davvero come una normale carta di credito. Utilizzandola, si otterranno alcuni premi; in particolare, il 3% di cashback (Apple lo chiama “Daily Cash”) per gli acquisti Apple, il 2% su altri acquisti e l’1% sugli acquisti effettuati con la carta fisica. È, inoltre, possibile ottenere alcuni strumenti nell’app Wallet che consentono di tracciare e classificare le spese e prendere decisioni intelligenti quando si tratta di effettuare pagamenti.

Non ci sono spese annuali, nessuna spesa internazionale, nessuna commissione oltre il limite, nessuna commissione. Tuttavia, i pagamenti mancanti porteranno ad un aumento dei tassi di interesse.

Apple Card sarà disponibile entro l’estate; è possibile iscriversi per ricevere notifiche sulla sua disponibilità nel sito Web di Apple.

Apple Arcade

Apple Arcade è un’intera sezione di giochi creati solo per dispositivi Apple e disponibili solo su dispositivi Apple. Per essere più specifici, Apple Arcade diventerà una nuova sezione dell’App Store e, a pagamento, gli utenti avranno accesso ad oltre 100 titoli esclusivi realizzati da alcuni dei migliori studios. Ci sarà anche un gioco Sonic the Hedgehog ed una nuova versione di Frogger.

Tutte le novità in casa Apple pfvtehxaid1of77owyn5 TechNinja

Un’altra cosa interessante di Apple Arcade è che tutti i giochi funzionano offline; quindi, gli utenti potranno giocare su di un aereo o sulla metropolitana. I giochi funzionano anche su piattaforme diverse; è possibile iniziare a giocare su di un iPhone e riprendere dal punto di interruzione con un dispositivo Apple TV, ad esempio.

I giochi Apple Arcade saranno senza pubblicità e non avranno alcun acquisto in-app. Non è ancora chiaro quale sarà il costo del servizio che arriverà in autunno; anche in questo caso, l’abbonamento comprenderà la condivisione in famiglia, per un massimo di sei persone, inclusa nel prezzo.

Apple TV e Apple TV +

Apple sta aggiornando l’app di Apple TV, presente già su milioni di dispositivi iOS e Apple TV. Apple sta anche rendendo disponibile una versione dell’app Apple TV per Mac ed una serie di piattaforme TV intelligenti realizzate da aziende come Samsung e LG. Inoltre, la società ha intenzione di creare anche le app di Apple TV per il set-top box di Roku e Amazon.

Tutte le novità in casa Apple iquj8wbipvx2wq36ymsk TechNinja

Apple TV +, invece, è una cosa completamente nuova sulla Apple TV. Alcuni potrebbero addirittura dire che è stata la protagonista dell’evento di ieri, dal momento che l’annuncio di tutti i nuovi spettacoli da parte delle celebrità coinvolte è durato un’ora e mezza.

Il nuovo servizio video di abbonamento a pagamento sembra assomigliare ad un concorrente della HBO più che, ad esempio, Netflix e “vivrà” nella nuova app di Apple TV. La programmazione esclusiva suona molto bene; tra i programmi, ci saranno:

  • un reboot guidato da Steven Spielberg della serie di fantascienza Amazing Stories;
  • una commedia su di un programma televisivo mattutino con Reese Witherspoon, Jennifer Aniston e Steve Carrell;
  • qualcosa chiamato “Sea” con Jason Momoa e Alfre Woodard;
  • Little America, uno spettacolo su immigrati e figli di immigrati prodotto da Kumail Nanianji.
Tutte le novità in casa Apple ekdfvnhxtiinth7nch24 TechNinja

Ancora una volta, Apple ha rifiutato di offrire qualsiasi dettaglio sul costo di Apple TV +. Ovviamente, ci sono molte più celebrità e personaggi televisivi coinvolti rispetto a quelli presenti sul palco dell’evento.

Google Maps introduce la possibilità di creare eventi pubblici

0
Google Maps introduce la possibilità di creare eventi pubblici

Google Maps sta attualmente offrendo agli utenti la possibilità di creare eventi pubblici in una determinata azienda o sede.

Questa nuova opzione si unisce a molte delle altre fantastiche funzionalità che abbiamo a nostra disposizione su Google Maps, inclusa la possibilità di aggiungere immagini, recensioni, valutazioni ed ulteriori utili metadati.

Originariamente individuato da Android Police e confermato tramite la pagina di supporto di Google Maps, é ora disponibile la possibilità di aggiungere un nuovo evento tramite la scheda Contribute nell’app Google Maps su Android.

Google Maps introduce la possibilità di creare eventi pubblici %name TechNinja

Durante la procedura di configurazione è possibile aggiungere un “Nome evento”, contrassegnare la posizione ed aggiungere ora e data. C’è anche la possibilità di scrivere una descrizione dell’evento, inserire un’intestazione dell’immagine e, persino, di etichettare ciò che l’evento comporta. I tag sono, al momento, piuttosto semplici e si riferiscono alla presenza o meno di cibo e bevande o se si tratta di una celebrazione.

Non è chiaro fino a che punto questa funzionalità è stata implementata, ma al momento è disponibile solo su Android. Vale anche la pena sottolineare che, dal momento della creazione, sono necessari circa 30 minuti prima che l’evento venga effettivamente visualizzato su Maps.

Android Police ha anche notato di aver riscontrato problemi durante l’aggiunta o il tentativo di aggiungere un’immagine di intestazione ad un evento. Comunque sia, questa novitá può essere un ottimo modo per aziende e luoghi di pubblicizzarsi senza dover ricorrere a tecniche di marketing. Utilizzato in combinazione con Google My Business, ad esempio, potrebbe rivelarsi uno strumento utile.

Come creare un evento su Google Maps

É bene specificare che la funzionalità potrebbe non essere ancora disponibile.

  • Dal telefono o tablet Android aprire Google Maps;
  • Toccare la scheda Contribute e poi Eventi;
  • Aggiungere un evento pubblico;
  • Seguire i successivi passi indicati dall’applicazione.

Come modificare un evento

  • Dal proprio telefono o tablet Android, aprire Google Maps;
  • Andare alla scheda Contribute;
  • Toccare Eventi e quindi selezionare l’evento creato;
  • Toccare Modifica questo evento per inserire o modificarne i dettagli.
  • Seguire i passi successivi indicati dall’applicazione.

Come cancellare un evento

  • Dal telefono o tablet Android, aprire Google Maps;
  • Andare alla scheda Contribute e poi selezionare Eventi;
  • Scegliere l’evento che si desidera cancellare;
  • Toccare Modifica questo evento e, cliccare sul tasto Elimina questo evento.
  • Seguire i successivi passi suggeriti.

Evento Apple di marzo 2019: ecco cosa aspettarsi

0
Evento Apple di marzo 2019: ecco cosa aspettarsi

In un anno, Apple tiene mediamente da tre a quattro eventi. Di solito viene organizzato un evento a marzo, la Worldwide Developers Conference di giugno, un evento a settembre incentrato su iPhone e Apple Watch e, qualche volta, un evento di ottobre se ci sono iPad o Mac attesi in autunno.

Evento del 25 marzo

Il primo evento dell’anno di Apple si svolgerà lunedì 25 marzo. Secondo alcune indiscrezioni, la societá si concentrerá sui servizi, introducendo sia un nuovo servizio Apple News che un servizio TV. Ecco cosa ci aspettiamo di vedere!

Servizio Apple News

Apple sta lavorando ad un servizio in abbonamento a 9.99 dollari al mese che offrirebbe agli utenti di Apple News un accesso illimitato alle storie di siti paywall, come The Wall Street Journal. Il servizio includerà anche un elemento della rivista, simile al servizio offerto da Texture, l’app per riviste che Apple ha acquistato nel 2018.

Non tutti i siti di notizie saranno disponibili (WaPo e NYT, ad esempio, non aderiranno) perché Apple vuole il 50% di tutte le entrate della sottoscrizione; tuttavia, molti editori di riviste stanno accettando le richieste di Cupertino. I contenuti delle notizie e le riviste saranno tutti accessibili per una sola quota di abbonamento, che potrebbe costare 9.99 dollari al mese.

Streaming TV Service

Apple, inoltre, sta lavorando ad un servizio di TV in streaming che includerà più di due dozzine di programmi TV e film, oltre all’accesso ai contenuti dell’abbonamento di altri fornitori di servizi via cavo.

La societá prevede di consentire ai propri clienti di sottoscrivere servizi come Starz e Showtime direttamente nell’app TV e potrebbe anche fornire bundle di canali che aggregano il contenuto di più fornitori di servizi via cavo ad un prezzo ridotto.

Al momento, non si hanno informazioni sul prezzo di questo servizio, ma Apple lo presenterà all’evento di marzo prima di lanciarlo più avanti nell’anno, forse in estate o in autunno. Molte celebrità come Jennifer Aniston, Steve Carell e Jennifer Garner, attori nei programmi televisivi originali di Apple, sono state invitate all’evento e dovrebbero partecipare.

iOS 12.2

La versione beta di iOS 12.2, attualmente in fase di test, contiene già alcuni suggerimenti del servizio Apple News e la societá rilascerà l’aggiornamento iOS 12.2 subito dopo l’evento, in modo da consentire alle persone di accedere al nuovo servizio di abbonamento di Apple News.

Oltre all’accesso a questo servizio di abbonamento, iOS 12.2 porta Apple News in Canada, offre nuovi personaggi Animoji, include il supporto di HomeKit TV per TV di terze parti e ha dozzine di altri piccoli ritocchi e modifiche.

iOS 12.2 è anche preinstallato sui nuovi iPad appena rilasciati e anche gli AirPod di seconda generazione richiedono l’aggiornamento. Entrambi i prodotti verranno spediti ai clienti all’inizio della prossima settimana.

Apple Pay

Secondo Bloomberg, Apple ha in programma di presentare in anteprima le nuove funzionalità di Apple Pay e questo getterà le basi per una partnership di una carta di credito per iPhone con Goldman Sachs. Non è del tutto chiaro quali saranno le nuove funzionalità annunciate da Apple, ma ci sono aggiornamenti al design dell’app Wallet in iOS 12.2 che Apple potrebbe avere in programma di evidenziare.

Le voci hanno suggerito che la carta di credito che debutterà in partnership con Goldman Sachs avrà caratteristiche speciali nell’app Wallet.

Hardware

In primavera ci aspettavamo aggiornamenti minori su di un certo numero di prodotti Apple che la societá ha iniziato a lanciare prima dell’evento del 25 marzo. Apple ha rilasciato un iPad mini aggiornato, un nuovo iPad Air da 10.5 pollici, iMac aggiornati e AirPods 2. Un iPod touch di settima generazione e AirPower potrebbero arrivare presto.

Avendo giá presentato nuovi hardware prima dell’evento, non ci sono altre aspettative (anche se resta sempre la possibilità di una sorpresa).

Xiaomi sta preparando due telefoni Android One con scanner di impronte digitali a schermo

0
Xiaomi sta preparando due telefoni Android One con scanner di impronte digitali a schermo

Xiaomi Mi A1 è stato un successo quando è stato rilasciato nell’ormai lontano settembre del 2017, tanto che Xiaomi ha poi presentato il modello Mi A2 e Mi A2 Lite la scorsa estate. Ora, come rivelato da XDA Developers, il marchio cinese sta preparando una terza generazione della linea.

Con il nome in codice ‘bamboo_sprout’ e ‘cosmos_sprout’ (tutti gli smartphone Android One includono il suffisso ‘sprout’ nei loro nomi in codice), i nuovi dispositivi dovrebbero essere commercializzati verso la fine dell’anno come Xiaomi Mi A3 e Mi A3 Lite.

Da quanto si può capire, entrambi gli smartphone sono attualmente testati con “fod”; questo significa che sará presente uno scanner per impronte digitali in-display che potrebbe catturare, senza dubbio, l’attenzione dei consumatori.
Oggigiorno, il consenso generale è che i tradizionali scanner per impronte digitali, come quelli presenti nella serie Mi A2, siano molto più veloci e precisi rispetto alle implementazioni sullo schermo, in particolare quelli ottici in-display. Tuttavia, per i consumatori abituali che non conoscono troppo la tecnologia, le nuove soluzioni appaiono molto più futuristiche e, probabilmente, é per questo che Xiaomi sta cercando di includerle nella nuova linea Mi A3.

Possibili specifiche

Al momento, le specifiche di questi due dispositivi restano un mistero; tuttavia, XDA Developers riferisce che entrambi gli smartphone saranno dotati di selfie snapper da 32 megapixel. Probabilmente, saranno contenuti all’interno di piccole tacche simili a waterdrop: quasi tutti i telefoni che Xiaomi lancia, infatti, includono questa funzionalità di progettazione.
Per quanto riguarda la data di uscita, Xiaomi Mi A3 e Mi A3 Lite potrebbero essere annunciati alla fine di maggio o a inizio giugno e poi essere lanciati poco dopo. Il prezzo non è ancora stato rivelato.

Facebook ha esposto fino a 600 milioni di password ai propri dipendenti

0
Facebook ha esposto fino a 600 milioni di password ai propri dipendenti

Secondo un rapporto di Krebs on Security del 21 marzo, Facebook ha, ancora una volta, trovato un modo per maltrattare i dati degli utenti. Questa volta, infatti, sembra che Facebook abbia erroneamente memorizzato le password degli utenti e le abbia rese esposte a migliaia di dipendenti.

Ancora problemi di privacy per Facebook

Facebook sta sondando una serie di errori di sicurezza; secondo quanto ha riportato un impiegato del famoso social, in forma anonima, i dipendenti hanno creato applicazioni che hanno registrato password non crittografate di diversi utenti Facebook e li hanno archiviate sotto forma di testo normale su server aziendali interni.

Si stima che tra 200 e 600 milioni di password, siano state mostrate in chiaro ad oltre 20.000 dipendenti di Facebook. Oltre alle credenziali di Facebook, sembra fosse stato possibile accedere anche a username e password di account Instagram e di utenti che usano Facebook Lite.

In un post aziendale é stato dichiarato:

A gennaio, come parte di un’analisi di routine di sicurezza, abbiamo scoperto che alcune password degli utenti erano conservate in un formato leggibile all’interno nei nostri sistemi di storage. Questo ha sollevato la nostra attenzione, dal momento che i nostri sistemi di log-in sono pensati per mascherare le password utilizzando tecniche che le rendono illeggibili. Abbiamo risolto la questione e in modo precauzionale invieremo una notifica a tutti coloro la cui password era conservata in quel modo.

L’azienda dice che notificherà tutto agli utenti interessati da questo inconveniente. L’ingegnere informatico di Facebook, Scott Renfro, ha dichiarato:

Fino ad ora, non abbiamo trovato alcun caso nelle nostre indagini e nessuno ha cercato intenzionalmente password, né abbiamo trovato segni di abuso di questi dati. In questa situazione, abbiamo scoperto che queste password sono state registrate inavvertitamente, ma che non vi è alcun rischio effettivo derivante da tutto questo. Vogliamo forzare gli utenti ad una modifica della password solo nei casi in cui vi siano chiari segni di abuso.

Facebook ha esposto fino a 600 milioni di password ai propri dipendenti %name TechNinja

Anche se nessuna delle password è stata utilizzata per scopi dannosi, è incredibile che cose del genere continuino ad accadere. Negli ultimi tempi, la compagnia ha continuato a parlare dei modi in cui sta cercando di valorizzare la privacy e la sicurezza dei propri utenti, ma quando accadono queste “disavventure” le loro rassicurazioni hanno sempre meno valore.

Apple ha lanciato i nuovi auricolari AirPods

0
Apple ha lanciato i nuovi auricolari AirPods

Ieri Apple ha finalmente annunciato i suoi AirPod di seconda generazione, aggiungendo la ricarica wireless. Inoltre, la societá sta vendendo separatamente anche la custodia di ricarica wireless, in modo che i proprietari di AirPod esistenti possano godere di qualcosa di nuovo. Questa mossa porta Apple ad essere in linea con i suoi principali concorrenti, i cui telefoni ed auricolari supportano da tempo funzionalità di ricarica Qi simili.

AirPods di seconda generazione

I nuovi auricolari sono alimentati dal chip H1 ed offrono diverse novitá, tra le quali la possibilità di richiamare Siri senza dover toccare fisicamente le cuffie; da ora, infatti, sará sufficiente pronunciare “hey Siri”.

Apple ha lanciato i nuovi auricolari AirPods %name TechNinja

Rispetto al modello di prima generazione, i nuovi auricolari offrono maggiore autonomia (si parla del 50% di tempo di chiamata in più) e sono piú rapidi nei collegamenti.

Assieme agli AirPods, Apple ha presentato anche un case che supporta la ricarica wireless e che può essere acquistato separatamente.

I nuovi prodotti sono disponibili sullo store online e arriveranno nei negozi fisici attorno alla prossima settimana. Gli AirPods avranno un prezzo di 179 euro, mentre gli AirPods assieme al case di ricarica wireless costeranno 229 euro; chi desidera acquistare il nuovo case di ricarica, infine, dovrá spendere 89 euro.

Nonostante la presentazione dei nuovi auricolari, si é sentita la mancanza del caricabatterie AirPower. Se mai ci sia stato un tempo per ri-annunciare AirPower, questo sarebbe stato stato il momento giusto; invece, è stata un’occasione mancata per Apple.

Un’occasione persa per Apple

Quando Apple ha annunciato per la prima volta il caricabatterie AirPower nel 2017 (insieme all’iPhone X), è stato presentato come un’elegante soluzione per poter ricaricare, in modo multiplo, Apple Watch, iPhone e iPod.

Tuttavia, AirPower non è mai stato spedito, nemmeno quando Apple ha annunciato il nuovo AirPod. Anche la scelta dello standard di ricarica potrebbe dirlo: diversamente dall’Apple Watch, il quale presenta uno standard di ricarica wireless Apple, gli AirPod funzioneranno con qualsiasi caricatore Qi. Questo fatto sará accolto molto positivamente dai consumatori, ma meno da Apple che, presumibilmente, cercherá di vendere a quei clienti nuovi caricabatterie wireless in futuro.

Apple ha lanciato i nuovi auricolari AirPods %name TechNinja

Anche se Apple decidesse di lanciare AirPower nei prossimi giorni (il che sembra vagamente possibile dato il numero di annunci hardware previsti) sarebbe comunque troppo tardi. In questo momento, migliaia di clienti stanno pensando di acquistare un AirPod di seconda generazione, ma non potranno scegliere il caricatore AirPower. Inoltre, vi sono giá altre aziende che offrono alternative.

Apple aggiorna la lineup di iMac con processori Intel di nona generazione

0
Apple aggiorna la lineup di iMac con processori Intel di nona generazione

Sono trascorsi quasi due anni da quando Apple ha aggiornato l’iMac, ma nuovi aggiornamenti sono, finalmente, disponibili per i modelli 4K e 5K.

Apple ha annunciato che la linea iMac è stata aggiornata con gli ultimi processori Core di ottava e nona generazione, tra cui un core i7 a sei core di ottava generazione per iMac 4K da 21.5 pollici e fino a un nono core -generation Core i9 con Turbo Boost fino a 5.0 GHz per l’iMac 5K da 27 pollici.

Cosa c’é di nuovo?

Apple afferma che i nuovi modelli iMac da 21.5 pollici offrono prestazioni fino al 60% più veloci rispetto alla generazione precedente, mentre i nuovi modelli iMac da 27 pollici offrono prestazioni fino a 2.4 volte più veloci rispetto alla generazione precedente, riducendo così il divario tra lo standard di fascia alta iMac e la workstation iMac Pro.

Seguendo le orme del MacBook Pro 2018, le opzioni grafiche Radeon Pro Vega sono ora disponibili in tutta la gamma iMac, inclusi Vega 20 per i modelli da 21.5 pollici e Vega 48 per i modelli da 27 pollici. Apple pubblicizza prestazioni grafiche fino all’80% più veloci rispetto alla precedente linea di iMac.

La nuova linea offre anche una memoria DDR4 da 2.666 MHz più veloce, mentre il modello base da 21.5 pollici 4K iMac ha una nuova memoria da 32 GB e opzioni SSD da 1 TB.

Apple aggiorna la lineup di iMac con processori Intel di nona generazione %name TechNinja

Oltre ai miglioramenti delle prestazioni, non c’é molto di diverso; i nuovi modelli iMac, infatti, hanno lo stesso design utilizzato dal 2012 e gli stessi display 4K e 5K della generazione precedente. Anche l’I / O rimane invariato con due porte Thunderbolt 3, quattro porte USB 3, uno slot per schede SD, un jack per cuffie e Gigabit Ethernet.

Mentre iMac Pro e gli ultimi modelli MacBook Pro, MacBook Air e Mac mini sono dotati del chip di sicurezza T2 di Apple, i nuovi modelli iMac non hanno chip di serie T di alcun tipo. Anche se iMac Pro è disponibile in un elegante rivestimento grigio, Apple afferma che l’argento rimane l’unica opzione di colore per i modelli standard iMac.

I prezzi prima degli aggiornamenti rimangono invariati. I nuovi modelli iMac 4K da 21.5 pollici partono da 1.299 dollari e i nuovi modelli iMac 5K da 27 pollici partono da 1.799 dollari. Entrambi sono disponibili per gli ordini su Apple.com e sull’app di Apple Store; la prossima settimana saranno presenti anche nei rivenditori selezionati a partire dalla prossima settimana.

L’iMac da 21.5 pollici entry-level non 4K non è stato aggiornato e rimane disponibile a partire da 1.099 dollari.

iPad Air 2019 da 10,5 pollici VS iPad Pro 2017 da 10,5 pollici: qual è il migliore?

0
iPad Air 2019 da 10,5 pollici VS iPad Pro 2017 da 10,5 pollici: qual è il migliore?

Ieri Apple ha sorpreso i suoi fan lanciando due nuovi iPad, ovvero iPad Air e iPad Mini; in particolare, l’iPad Air da 10.5 pollici può essere visto come un successore, a basso prezzo, dell’iPad Pro da 10.5 pollici di seconda generazione. Di seguito, confrontiamo le specifiche e le caratteristiche tecniche.

Il prezzo è fondamentale, con il nuovo iPad Air che, negli Stati Uniti, parte dal prezzo di 499 dollari per la versione Wi-Fi-only e di 629 dollari con connettività LTE. L’iPad Pro da 10.5 pollici aveva un prezzo iniziale di 649 dollari con Wi-Fi e di 779 dollari con connettività LTE.

iPad Air 2019 e iPad Pro 2017: differenze e similitudini

Entrambi hanno a disposizione 64 GB o 256 GB di archiviazione, ma il nuovo iPad Air manca dell’opzione da 512 GB.

Dal punto di vista del design, i due iPad hanno molte somiglianze tra cui le dimensioni, lo spessore e l’aspetto generale. Inoltre, entrambi hanno un tasto home Touch ID, un jack per cuffie ed un connettore Lightning; tuttavia, il nuovo iPad Air ha solo due altoparlanti sul fondo, mentre l’iPad Pro da 10.5 pollici ne ha ben quattro.

Il nuovo iPad Air è disponibile nei colori Silver, Space Grey e in una nuova finitura Gold che fonde, essenzialmente, le finiture Gold e Rose Gold precedentemente separate disponibili per il vecchio iPad Pro da 10.5 pollici.

Entrambi gli iPad presentano un display Retina completamente laminato con una risoluzione di 2224 × 1668 pixel e 264 PPI, True Tone e supporto per lo spazio colore P3 ampio. Il nuovo iPad Air da 10.5 pollici ha una frequenza di aggiornamento di 60Hz, mentre il modello Pro ha il cosiddetto display ProMotion con una frequenza di aggiornamento fino a 120Hz.

Il nuovo iPad Air sfoggia il chip A12 Bionic di Apple rispetto al chip A10X Fusion, più lento, presente nell’iPad Pro da 10.5 pollici. Il nuovo iPad Air ha anche un hardware dedicato chiamato “Neural Engine” che gestisce l’intelligenza artificiale e le attività di apprendimento automatico, mentre l’iPad Pro da 10.5 non lo ha.

In termini di durata della batteria, entrambi gli iPad durano fino a 10 ore per ricarica, almeno secondo i test interni di Apple.

Con il suo prezzo più basso, il nuovo iPad Air ha una fotocamera posteriore da 8 megapixel di fascia bassa, rispetto ad un sensore da 12 megapixel presente sull’iPad Pro da 10.5 pollici. Anche la fotocamera posteriore del nuovo iPad Air è priva di flash LED, stabilizzazione ottica dell’immagine e Focus Pixel, ma uno dei vantaggi è rappresentato dal fatto che non è presente un dorso della fotocamera.

Le fotocamere FaceTime HD anteriori montano gli stessi sensori da 7 megapixel con Live Photos, Retina Flash ed altre caratteristiche identiche su entrambi gli iPad.

Per quanto riguarda la connettività, entrambi gli iPad hanno Wi-Fi 802.11ac, ma il nuovo iPad Air ha un LTE di classe Gigabit rispetto al supporto avanzato LTE Advanced di iPad Pro da 10.5 pollici.

Entrambi gli iPad sono compatibili con l’Apple Pencil di prima generazione e Smart Keyboard da 10.5 pollici.

Apple presenta iPad Air e iPad Mini

0
Apple presenta iPad Air e iPad Mini

Questa mattina, a sorpresa, lo store di Apple risultava offline; solitamente, questo accade quando vi sono nuovi prodotti in arrivo.

Cosí é stato! In poche ore, il negozio é tornato online e sono apparsi due nuovi iPad: iPad Air e iPad mini.

iPad Air

L’iPad Air da 10.5 pollici verrá venduto con un prezzo di 569 euro per la versione da 64 gb solo wi-fi, 709 euro per quella con modulo 4g lte, 739 euro per quella da 256 gb solo wi-fi e, infine, 879 euro per il modello con modulo 4g lte.

Il nuovo iPad Air é dotato di un display Retina, ha uno spessore di 6.1 mm, pesa solo un chilo e ha una durata della batteria di 10 ore.

Il comparto fotografico é composto da una fotocamera posteriore da 8 megapixel é da una fotocamera anteriore HD da 7 megapixel. Alimentato dal chip A12 Bionic, il nuovo iPad Air offrirá un aumento del 70% delle prestazioni ed il doppio della capacità grafica; non é ancora chiaro rispetto a cosa, ma probabilmente la societá si riferisce alle iterazioni precedenti dell’iPad.

Apple presenta iPad Air e iPad Mini %name TechNinja
Il nuovo mini iPad da 7,9 pollici. Ora con Apple Pencil.

iPad Mini

Il secondo device apparso sullo Store é l’iPad mini da 7.9 pollici che ottiene alcuni importanti aggiornamenti. Ora ha un display Retina, supporta Apple Pencil ed è alimentato dallo stesso processore Bionic A12 presente anche nel nuovo modello Air.

I prezzi sono di 459 euro per la versione da 64 gb solo wi-fi, 599 euro per quella con modulo 4g lte, 629 euro per quella da 256 gb solo wi-fi e 769 euro per quella con modulo 4g lte.

Secondo Apple, l’aggiunta del display Retina renderà il nuovo iPad mini il più denso di pixel di tutti i suoi iPad, mentre l’aggiornamento al nuovo chip offrirá “tre volte le prestazioni e nove volte un miglioramento della grafica”.

Il fatto di rilasciare questi due iPad una settimana prima dell’evento di Apple previsto per il 25 marzo é una mossa piuttosto interessante. Probabilmente, il lancio é stato anticipato per evitare che potesse distrarre dalle news e dai servizi di streaming che Apple ha annunciato. In ogni caso, entrambi i nuovi iPad sono disponibili per l’ordine online a partire da oggi e arriveranno nei negozi la prossima settimana.

Apple dovrá pagare 31 milioni di dollari a Qualcomm

0
Apple dovrá pagare 31 milioni di dollari a Qualcomm

La guerra tra Apple e Qualcomm sta volgendo al termine. La sentenza del giudice Gonzalo Curiel, della Corte distrettuale degli Stati Uniti, é finalmente arrivata.

La giuria ha assegnato a Qualcomm i 31 milioni di dollari che stava cercando da Apple, dopo aver scoperto che la societá di Cupertino aveva violato un trio di brevetti di Qualcomm. La somma é relativa ad un trio di brevetti che Apple avrebbe utilizzato per i suoi iPhone 7, iPhone 8, iPhone 8 Plus e iPhone X. In particolare, due di queste tecnologie consentirebbero, rispettivamente, ai device di connettersi rapidamente ad Internet e prolungare la durata della batteria.

Come é possibile immaginare, Qualcomm si é dimostrato molto felice della decisione della giuria, mentre Apple ne é rimasta delusa.

Le battaglie tra le aziende non sono finite

Questa, tuttavia, é solo una delle numerose battaglie legali tra le due societá; il mese prossimo verrà avviato a San Diego un processo che riguarderà miliardi di dollari di royalties.

Il verdetto unanime della giuria di oggi è l’ultima vittoria nel nostro contenzioso sui brevetti in tutto il mondo diretto a ritenere Apple responsabile per l’utilizzo delle nostre preziose tecnologie senza volerle pagare. Le tecnologie inventate da Qualcomm e da altri sono quelle che hanno permesso ad Apple di entrare nel mercato e di ottenere un successo così rapido.

Don Rosenberg, consigliere generale di Qualcomm.

La campagna di Qualcomm, attualmente in corso, sulle richieste di violazione di brevetti non è altro che un tentativo di distrarre da questioni più importanti che dovranno affrontare nelle indagini sulle loro pratiche commerciali nella corte federale degli Stati Uniti e in tutto il mondo.

Apple.


Il produttore di chipset, inoltre, é in attesa di un paio di decisioni chiave che potrebbero cambiare il modo in cui i chip saranno venduti ai produttori di smartphone in futuro. La battaglia legale che aveva avuto con la FTC all’inizio di quest’anno ha rivelato perché molti produttori di telefoni odiano avere a che fare con Qualcomm. La loro politica “nessuna licenza, nessun chip” ha fatto infuriare diversi venditori di cellulari; inoltre, Qualcomm è stato anche accusato di non rilasciare licenze per i suoi brevetti essenziali in modo equo, ragionevole e non discriminatorio (FRAND).

Il 26 marzo, l’International Trade Commission (ITC) dovrebbe prendere un’altra importante decisione che riguarda sempre la societá di chipset ed Apple. A seconda di come tutto questo si risolverà, Qualcomm potrebbe arrivare a dover utilizzare un metodo completamente nuovo per vendere i chip ai produttori di smartphone.

Lo smartphone pieghevole di Xiaomi costerá la metà di Galaxy Fold di Samsung

0
Lo smartphone pieghevole di Xiaomi costerá la metà di Galaxy Fold di Samsung

Il mese scorso Samsung e Huawei hanno presentato i loro smartphone pieghevoli. Entrambi hanno un design diverso, ma una cosa in comune: il prezzo elevato. Il Galaxy Fold di Samsung costa 1.980 dollari, mentre il Mate X di Huawei costa circa 2.600 dollari. Questo cartellino del prezzo li rende un oggetto di lusso, ma grazie a Xiaomi questa situazione sará destinata a cambiare. Il nuovo smartphone pieghevole di Xiaomi, infatti, potrá essere acquistato al prezzo di 999 dollari.

Xiaomi Mi Fold: i prezzi

Secondo un rapporto di iGaian, lo smartphone pieghevole di Xiaomi, attualmente denominato Mi Fold e Mi Flex, avrà un prezzo di 999 dollari negli Stati Uniti, 999 euro in Europa e 74.999 INR in India. L’azienda prevede di lanciare il nuovo device tra aprile e giugno; inizialmente verrá lanciato in Cina e, solo in seguito, raggiungerà i mercati globali.

Il rapporto afferma, inoltre, che lo Xiaomi Mi Fold / Flex costerà quasi la metà di Galaxy Fold perché la societá utilizzerà i display OLED realizzati da Visionox Technology secondo le proprie esigenze. Resta da vedere se questi saranno validi ed efficienti come i pannelli OLED su Galaxy Fold e Mate X.

Lo smartphone pieghevole di Xiaomi costerá la metà di Galaxy Fold di Samsung %name TechNinja

Detto questo, come il Galaxy Fold e il Mate X, anche il Mi Fold / Flex sarà un fiore all’occhiello e arriverà con il chipset Snapdragon 855 SoC é avrá a disposizione fino a 10 GB di RAM.

Trapelato Huawei P30 Pro

0
Trapelato Huawei P30 Pro

A febbraio Huawei ha presentato il suo smartphone Mate X pieghevole, subito confrontato con il Galaxy Fold di Samsung. Tuttavia, il vero dispositivo destinato ad essere il protagonista potrebbe essere l’imminente Huawei P30 Pro. Una foto trapelata mostra il device con una particolare sfumatura arancione.

Presunte caratteristiche di Huawei P30 Pro

Un tweet di Roland Quandt, del sito tecnologico tedesco WinFuture, ha pubblicato le foto del presunto device mercoledì.

Il colore potrebbe essere considerato rosso o arancione e dovrebbe chiamarsi Sunshine. Huawei è noto per l’utilizzo di finiture vivaci sui suoi device; tuttavia, il colore non è l’unico dettaglio interessante che appare nella foto. Sul retro del telefono, infatti, viene mostrata una configurazione con tre telecamere allineate posizionate nell’angolo. Inoltre, si vede una quarta fotocamera separata, proprio sotto il flash.

Si dice che il P30 Pro possa avere uno zoom ottico 10x; naturalmente, le caratteristiche del device verranno svelate solo durante l’evento ufficiale che si terrá a Parigi il 26 marzo.

Al momento, Huawei non ha commentato l’indiscrezione.

Ecco la timeline di Android Q

0
Ecco la timeline di Android Q

Oggi è l’Android Q day e, dietro le quinte, tutti stanno cercando di capire le novitá che verranno presentate, anche se diversi nuovi dettagli sono stati rivelati ufficialmente. Tra le novitá é stata mostrata la cronologia delle versioni beta che arriveranno in futuro; in tutto, sono previste sei versioni beta, con la versione finale prevista per il terzo trimestre.

Google ha anche aggiunto dettagli al suo elenco di versioni:

  • Beta 1 (versione iniziale, beta)
  • Beta 2 (aggiornamento incrementale, beta)
  • Beta 3 (aggiornamento incrementale, beta)
  • Beta 4 (API finali e SDK ufficiale, Play publishing, beta)
  • Beta 5 (release candidate per i test)
  • Beta 6 (release candidate per il test finale)
  • Rilascio finale

La versione attuale è la Beta 1; al momento, non sono presenti molte funzionalità e, probabilmente, quelle presenti hanno lo scopo di aiutare gli sviluppatori a familiarizzare con Android Q a livello di software. Chi sperava di ottenere tutte le funzionalità finali dovrá attendere.

Sulla base del calendario fornito da Google (che, storicamente, non è sempre stato molto preciso), un’altra versione beta sará prevista per l’inizio del prossimo mese ed un’altra ancora per il periodo della conferenza degli sviluppatori I / O di Google.

Durante questo periodo iniziale, Google sta sollecitando il feedback degli sviluppatori; se le API fornite dovranno essere ottimizzate, ci sarà ancora tempo per fare le modifiche richieste.

A partire dalla Beta 4, gli sviluppatori avranno un set di API finalizzato per Android Q e il Play Store supporterà la distribuzione anche a livello di destinazione dell’API Android Q (28) per le versioni di app alpha / beta.

Le versioni Beta 5 e 6 saranno quelle candidate al rilascio, dato che Google estrarrá la maggior parte dei bug rimanenti prima della prevista versione del terzo trimestre. Per chi non fosse disposto a gestire una versione potenzialmente piena di bug, é preferibile attendere.

Il nuovo servizio Apple per l’abbonamento a riviste e giornali appare nell’ultima beta di MacOS

0
Il nuovo servizio Apple per l’abbonamento a riviste e giornali appare nell’ultima beta di MacOS

Apple dovrebbe annunciare una serie di nuovi servizi nel suo evento “It’s show time” del 25 marzo, con Apple News che dovrebbe fare da protagonista. Scavando nella beta per macOS, sono stati rivelati alcuni nuovi elementi relativi al servizio, confermando in modo efficace che l’abbonamento alla rivista Apple News verrà lanciato verso la fine di questo mese.

Lo sviluppatore Steve Troughton-Smith ha postato su Twitter una selezione di screenshot tratti dall’ultima versione di macOS beta che rivela elementi della versione macOS dell’abbonamento. Un paio di notifiche consigliano un “Nuovo numero di Bon Appetit” ed un avviso raggruppato “Nuovi numeri disponibili” per più pubblicazioni.

Il nuovo servizio Apple per l’abbonamento a riviste e giornali appare nell’ultima beta di MacOS %name TechNinja

Un’altra immagine mostra un messaggio di errore nell’app di macOS News, molto probabilmente per un clic non ancora disponibile su una delle notifiche. Una quarta immagine, infine, mostra un elenco di URL brevi sul dominio apple.news che potrebbero essere utilizzati dal servizio, con le directory disponibili per “riviste”, “mymagazine” e “abbonamento”.

Troughton-Smith consiglia anche le riviste per la versione macOS di Apple News che saranno basate su PDF, come molte riviste di iPad. Una sezione che mostra diversi generi di riviste è anche mostrata dallo sviluppatore, con la maggior parte del codice che si dice sia scritto in Swift.

Al momento, non si hanno informazioni circa il costo del possibile abbonamento; alcune indiscrezioni hanno suggerito il prezzo di 10 dollari al mese. Di questi, una parte dovrebbe andare ad Apple, mentre la restante parte dovrebbe andare agli editori.

L’evento del 25 marzo avrá, a quanto si dice, un cast pieno di star; appariranno personaggi come J.J. Abrams, Jennifer Garner e Steve Carrell per commemorare la presentazione del progetto originale di contenuti video di Apple che, fino ad ora, ha visto l’investimento di almeno 1 miliardo di dollari in programmi TV e produzioni cinematografiche.

Durante l’evento potrebbero anche essere presentati un nuovo hardware, inclusi i nuovi iPad, AirPods, il tappetino di ricarica AirPower e persino un nuovo iPod touch.

Lo speciale evento di Apple del 25 marzo sarà trasmesso in diretta streaming

0
Lo speciale evento di Apple del 25 marzo sarà trasmesso in diretta streaming

La pagina livestream offre pochi indizi su cosa aspettarsi dal prossimo evento Apple del 25 marzo; la pagina si intitola semplicemente “Evento speciale Apple” e fornisce i dettagli di base su quando e dove si svolgerà l’evento e sull’orario di inizio. L’altro elemento principale della pagina è un grande grafico che mostra il logo Apple sotto un riflettore, molto probabilmente facendo riferimento all’elemento “It’s show time” degli inviti ai media.

Il sito consiglia agli utenti di guardare lo streaming su iPhone, iPad o iPod touch con iOS 10 o versioni successive utilizzando Safari, un Mac con Safari su macOS Sierra 10.12 o versioni successive o un PC con Windows 10 e Microsoft Edge. Lo streaming su Apple TV richiede AirPlay ed un modello di seconda generazione o successivo che esegue l’ultimo aggiornamento di tvOS.

Anche altre piattaforme potrebbero essere in grado di accedere allo stream, utilizzando “versioni recenti di Chrome o Firefox”, con il supporto per MSE, H.264 e AAC richiesti.

Cosa verrá presentato?

Lo speciale evento di Apple del 25 marzo sarà trasmesso in diretta streaming %name TechNinja

Come al solito, Apple non ha offerto alcun indizio su quello che intende lanciare all’evento, ma al momento si ritiene che tutto sará centrato attorno ai servizi, anziché all’hardware. In particolare, l’attenzione sarà focalizzata sulla offerta di notizie aggiornate, con l’aggiunta di un servizio di abbonamento.

Si prevede, inoltre, che Apple rivelerá informazioni sul servizio di streaming video a lungo termine, anche se il lancio potrebbe non essere immediato.

Anche se sembra piuttosto improbabile, è possibile che anche l’hardware faccia una comparsa all’evento. L’evento dello scorso anno, incentrato sull’educazione, includeva le versioni hardware, ma anche un iPad aggiornato.

Alcuni rapporti provenienti dalla catena di montaggio e da alcune speculazioni degli analisti, riferiscono che Apple potrebbe rilasciare numerosi nuovi prodotti per l’intero 2019. Tuttavia, gli unici articoli che potrebbero essere presentati ora potrebbero essere nuovi modelli aggiornati di iPad, il tanto atteso pad di ricarica AirPower e, potenzialmente, un nuovo iPod touch .

Il nuovo iPad avrà ancora Touch ID, una porta Lightning e un jack per cuffie da 3.5 mm. Apple potrebbe anche presentare un nuovo mini iPad 5. Tuttavia, sembra che la societá stia praticamente prendendo l’iPad mini 4 per sostituirne il suo chipset A8 con uno più recente.

Apple ha dichiarato di voler raggiungere 50 miliardi di dollari di ricavi dai servizi entro il 2020; questa cifra é il doppio dei 25 miliardi di dollari incassati nel 2016. Con le entrate dei servizi fiscali del primo trimestre, le quali hanno toccato il massimo storico di 10.25 miliardi di dollari, sembra che la societá abbia una possibilità di centrare l’obiettivo.

MIGLIORI GADGET TECH

GUIDE

SEGUICI SUI SOCIAL

27FansLike
3,625FollowersFollow
1,898SubscribersSubscribe