Ubuntu Touch su OnePlus One e Sony Xperia Z1!

0
620
ubuntu touch

Ubuntu Touch è la visione che ha Canonical verso la convergenza tra Sistema Operativo desktop e mobile. Da quando Mark Shuttleworth ha presentato una versione embrionale del suo nuovo Ubuntu Touch tutti si sono domandati dove Canonical voleva arrivare e chi avrebbe supportato questa loro folle idea, ricordiamo che quando Mark disse il suo intento, qualcuno lo snobbò ma, quando Microsoft intraprese la stessa strada per realizzare Windows 10, Tim Cook, CEO di Apple, disse: E’ come unire un Tostapane con un Frigorifero.

 

Ubuntu Touch su OnePlus One e Sony Xperia Z1! ubuntu touch tecninja TechNinja

Tutti sappiamo che sia Microsoft con Windows 10 che Canonical con Ubuntu Touch, sono riusciti ad ottenere degli ottimi risultati in termine di convergenza! La stessa Azienda di Redmond e specialmente il suo CEO, Satya Nadella, crede fortemente in questa percorso ma, diamo a Cesare quel che è di Cesare: il primo a credere in questa convergenza è stato il padre di Ubuntu Mark Shuttleworth e, al Mobile World Congress di Barcellona, presenterà ufficialmente la versione di Ubuntu Touch ottimizzata per OnePlus One, Sony Xperia Z1 e, probabilmente, per Nexus 5!

Ubuntu Touch su OnePlus One e Sony Xperia Z1! ubuntu touch techninja1 TechNinja

Ovviamente sul sito di Ubuntu già è disponibile la distribuzione dell’OS Mobile di Canonical per OnePlus One, Nexus 4, 5 e 7, con tanto di istruzioni passo passo per poterlo installare.  Fino a questo momento solo Meizu ha rivolto uno sguardo importante verso il sistema operativo di Canonical proponendo qualche dispositivo con preinstallato Ubuntu Touch ma ha solo destato interesse senza riuscire ad acquisire quote di mercato rilevanti.

Ubuntu Touch su OnePlus One e Sony Xperia Z1! ubuntu touch techninja2 TechNinja

Ubuntu Touch: Canonical lo svilupperà per tutti!

Mark Shuttleworth probabilmente stupirà un po’ tutti al Mobile World Congress e chissà se prenderà la strada dello sviluppo software ovvero: quello di realizzare una versione di Ubuntu Touch per ogni dispositivo (rilevante) sul mercato, allegando una guida per l’installazione. Questo potrebbe fargli superare il problema della distribuzione in quanto sarebbe Canonical stessa a prendersi carico dello sviluppo e della distribuzione del software, superando di fatto lo scoglio degli accordi commerciali con le grandi aziende.

Seguiteci su FacebookTwitterGoogle+Telegram e YouTube o vis RSS per essere sempre aggiornati su tutto ciò che riguarda il mondo della tecnologia!