Bug Linux: device Android a rischio? Google risponde

0
218

Warning: simplexml_load_string(): Entity: line 1: parser error : Space required after the Public Identifier in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider_API.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Warning: simplexml_load_string(): <!DOCTYPE HTML PUBLIC "-//IETF//DTD HTML 2.0//EN"> in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider_API.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Warning: simplexml_load_string(): ^ in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider_API.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Warning: simplexml_load_string(): Entity: line 1: parser error : SystemLiteral " or ' expected in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider_API.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Warning: simplexml_load_string(): <!DOCTYPE HTML PUBLIC "-//IETF//DTD HTML 2.0//EN"> in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider_API.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Warning: simplexml_load_string(): ^ in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider_API.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Warning: simplexml_load_string(): Entity: line 1: parser error : SYSTEM or PUBLIC, the URI is missing in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider_API.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Warning: simplexml_load_string(): <!DOCTYPE HTML PUBLIC "-//IETF//DTD HTML 2.0//EN"> in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider_API.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Warning: simplexml_load_string(): ^ in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider_API.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Nel kernel Linux ci sono più vulnerabilità e questo, ormai, è assodato. I ricercatori di Perception Point ne hanno scoperta una che esiste dal 2013 e ciò significa che anche i dispositivi Android (nati dal kernel Linux) sono a rischio da quel momento. Quindi i nostri tablet e smartphone, che montano Android 4.4 Kitkat e versioni successive, potrebbero essere interessati dal problema bug Linux. Stiamo parlando del 66% dei dispositivi e per questo la faccenda potrebbe farsi molto seria.

Bug Linux: device Android a rischio? Google risponde android 4 4 kitkat 300x169 TechNinja

Cosa si rischia

I ricercatori hanno dimostrato che già la versione 3.8 del kernel Linux, che venne rilasciata nei primi mesi del 2013, presentava questa vulnerabilità e che questo bug può essere sfruttato in modi differenti. Nello specifico, sui dispositivi Android può accadere che delle applicazioni infette riescano a bypassare la sandbox, andando direttamente ad accedere alle funzioni del sistema operativo, danneggiando il device. Al momento, però, non si notano grossi problemi e questo sta permettendo di trovare immediatamente una soluzione, che consiste, come suggerito da chi ha scoperto il problema, nel rilasciare al più presto una patch.

Bug Linux: device Android a rischio? Google risponde android patch 300x200 TechNinja

La reazione di Google al bug Linux

In tutto questo, la reazione di Google al problema bug Linux non si è fatta attendere. Il colosso ha immediatamente dichiarato che il problema sussiste ma che, probabilmente, si sta facendo un po’ troppo allarmismo. Stando a quanto è stato dichiarato, non tutti i dispositivi Android sono in pericolo e il numero di device che potrebbero essere a rischio è nettamente inferiore a quello che sta circolando nelle ultime ore. La posizione ufficiale di Google è chiara, ma si deve anche sottolineare che si sta lavorando per rilasciare una patch entro il mese di Marzo, in modo tale da risolvere in maniera definitiva il problema. Che ne pensate di tutto questo? Credete che Google stia minimizzando troppo? Fatecelo sapere nei commenti.

VIA

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Telegram, YouTube o vis RSS per essere sempre aggiornati su tutto ciò che riguarda il mondo della tecnologia!