Ecco quanto potrebbe costare Galaxy S10

Le date di rilascio e i prezzi dei Samsung Galaxy S10 diventano più specifici in un nuovo rapporto.

0
95
Ecco quanto potrebbe costare Galaxy S10

 

Una nuova indiscrezione sembra fare un po’ di chiarezza sulla prossima famiglia Samsung Galaxy S10, anche se non è saggio prendere tutto per scontato.

 Indiscrezioni su Galaxy S10, S10 + e S10 Lite

Ecco quanto potrebbe costare Galaxy S10 %name TechNinja

Che ci crediate o no, un nuovo rapporto di Gizmodo UK suggerisce i prezzi dei nuovi device e una possibile data di rilascio.

La presentazione potrebbe avvenire il 20 febbraio

Non sorprende che la linea Galaxy S10 veda la luce del giorno a febbraio 2019; tuttavia, sembra che romperà con la tradizione: il primo evento Unpacked dell’anno potrebbe aver luogo diversi giorni prima dell’inizio ufficiale del Mobile World Congress di Barcellona (probabilmente il 20 febbraio).

I preordini si apriranno immediatamente, con le vendite programmate per l’8 marzo; al momento, non é chiaro se questa data sará uguale in tutti i paesi.

I prezzi

Parlando del mercato britannico, i prezzi sono destinati a partire da 669 sterline per il modello Galaxy S10 Lite, con schermo piatto da 5.8 pollici e spazio di archiviazione interno da 128 GB; il Galaxy S10 da 6.1 pollici dovrebbe costare, rispettivamente, 799 sterline e 999 sterline in configurazioni da 128GB e 512GB.

Ecco quanto potrebbe costare Galaxy S10 %name TechNinja

Infine, il Galaxy S10 Plus potrebbe arrivare sul mercato in tre versioni che vanno dalle 899 sterline per il modello da 128GB, alle 1099 sterline per il modello da 512GB di spazio di archiviazione, fino alle 1399 sterline per la configurazione da 1 TB.

Potrebbe essere in arrivo anche una ’”edizione speciale”, ancora più costosa, da 6.7 ??pollici; in alternativa, secondo le indiscrezioni, potrebbe far capolino anche il più piccolo Galaxy S10 Plus da 6.4 pollici con sei fotocamere in totale.

Altri dettagli che la fonte sembra “confermare” sono la presenza del sensore di impronte digitali in-display ad ultrasuoni, la possibilità di caricare in modalità wireless altri dispositivi (con una caratteristica che probabilmente si chiamerà Powershare), nessu scanner dell’iride e nessun supporto 5G funzionale al momento del lancio.