iPad Pro 2018: cinque motivi per sceglierlo come computer

Ecco cinque motivi per il quale il nuovo iPad Pro dovrebbe essere "il tuo prossimo computer".

0
105
iPad Pro 2018: cinque motivi per sceglierlo come computer

Apple ha pubblicato ieri un annuncio un po’ controverso, intitolato “5 motivi per cui iPad Pro può essere il tuo prossimo computer“. Il nuovo iPad Pro è certamente una macchina potente, ma può sostituire il computer tradizionale?

iPad Pro può sostituire il computer?

iPad Pro 2018: cinque motivi per sceglierlo come computer %name TechNinja

Molti utenti hanno provato davvero a fare vero lavoro su iPad Pro e per la maggior parte delle persone risulta totalmente fattibile. Alcuni motivi importanti della pubblicità di Apple includono una maggiore durata della batteria e la possibilità di rimanere connessi ovunque si vada, se si sceglie il modello cellular.

Naturalmente, Apple tralascia alcune attività chiave che molti utenti fanno quotidianamente, come la connessione di un disco rigido esterno o un’unità flash, la gestione, la ridenominazione e la modifica di file in modo nativo e molto altro ancora.

L’annuncio presenta un nuovo spot che recita “Come un computer, a differenza di qualsiasi c omputer.” L’azienda giá da tempo ha detto ai suoi utenti che un iPad Pro è davvero un computer; tuttavia, anche se questo potrebbe essere vero, Apple ha ancora molta strada da fare, specialmente con il modo in cui iOS gestisce l’iPad.

iPad Pro ha molti vantaggi per gli utenti

Ad esempio, iPad Pro è in grado di eseguire applicazioni touch ottimizzate, pur avendo una tastiera hardware opzionale per sessioni di scrittura più lunghe. Ti piace disegnare o modificare video? Apple Pencil è perfetta per tutto questo! Oppure, vuoi navigare su Facebook o guardare video di YouTube? É possibile farlo ovunque e in maniera comoda!

All’inizio di quest’anno, Apple ha invitato Adobe sul palco per la demo di “Photoshop” al suo evento iPad Pro, mostrando applicazioni desktop sull’iPad. Speriamo che ci sia di più in futuro, ora che Adobe si è unito alla brigata.