Huawei presenta lo smartphone gigante Mate 20 X e Huawei Band 3 Pro

Huawei ha presentato il suo nuovo Mate 20 X, dotato di uno schermo da 7.2 pollici e di un proprio sistema di raffreddamento.

Il produttore cinese di smartphone Huawei ha appena mostrato i suoi ultimi dispositivi di punta, tra cui lo smartphone Mate 20 e lo smartwatch Watch GT. Questi dispositivi si rivolgono senza dubbio ad un pubblico ampio; tuttavia, Huawei si è dedicata anche ad una nicchia di utenti offrendo uno smartphone rivolto ai giocatori e un bracciale fitness che cerca di tenere traccia praticamente di ogni cosa.

Huawei Mate 20 X si svela

Huawei presenta lo smartphone gigante Mate 20 X e Huawei Band 3 Pro %name TechNinja

Huawei Mate 20 X riesce a distinguersi perché é un enorme dispositivo all’interno di una linea di smartphone che ha tutti i display con un’ampiezza di sei pollici o più. L’azienda ha esteso lo schermo ben oltre la gamma delle solite dimensioni ed é quasi arrivata nel territorio dei tablet, con uno schermo da 7.2 pollici.

Grazie alle dimensioni gigantesche dello smartphone, Huawei é riuscito ad ottenere un hardware potente che comprende 6 GB di RAM e 128 GB di memoria integrata, oltre al processore Kirin 980 octa-core. A differenza di Huawei Maate 20 Pro, che ha le stesse caratteristiche, il Mate 20 X ha il proprio sistema di raffreddamento che utilizza una combinazione di film di grafene e camere di vapore per mantenere il dispositivo fresco.

Huawei Band 3 Pro

La societá ha anche presentato un nuovo indossabile, ovvero Huawei Band 3 Pro che sfoggia un touchscreen AMOLED curvo da 0.95 pollici. Questo nuovo dispositivo da polso ha integrato un cardiofrequenzimetro ed é in grado di effettuare il rilevamento del sonno. Inoltre, offre il monitoraggio GPS indipendente in modo da registrare gli allenamenti senza collegarsi ad un telefono; in più, identifica i tratti di nuoto per registrare gli allenamenti in piscina. Come il nuovo Watch GT, il Band 3 Pro è valutato per la resistenza all’acqua 5ATM, il che è un bene perché altrimenti la funzione di rilevamento del nuoto sarebbe piuttosto inutile.