I fornitori temono per la domanda complessiva dei nuovi iPhone

Secondo un recente rapporto, alcune parti della catena di fornitura stanno attenuando le loro aspettative sulle vendite di iPhone per il resto del 2018, nonostante l'imminente lancio di iPhone XR.

Dopo l’uscita di iPhone XS e iPhone XS Max e in vista dell’imminente apertura dei preordini per iPhone XR, i fornitori di Apple si aspettano un numero elevato di ordini, soprattutto in previsione della stagione dello shopping natalizio. Tuttavia, questo pare non abbia impedito ai fornitori di porre un po’ di cautela sull’imminente introduzione del modello a basso costo.

Le fonti del settore, riportate da DigiTimes, suggeriscono che se le vendite del nuovo iPhone XR non riescono a stimolare la domanda complessiva di iPhone, Apple potrebbe rallentare il ritmo degli ordini, danneggiando le entrate.

Fornitori cauti relativamente alle future vendite

I fornitori temono per la domanda complessiva dei nuovi iPhone e6236b68 bcb7 11e8 b88c 4a370e6816ba 2018 09 12T204934Z 2065946966 HP1EE9C1LULBN RTRMADP 3 APPLE IPHONE kXuF U1120480592366Y0 1024x576@LaStampa.it  TechNinja

Secondo quanto affermato da TSMC, i fornitori si aspettano già di registrare vendite deboli nel quarto trimestre del 2018, prevedendo di generare ricavi inferiori alle attese e, quindi, potenzialmente costringendo la fonderia di chip a rivedere i propri orientamenti di vendita per tutto il 2018 ad un livello più basso.

Nel caso del fornitore di obiettivi per macchine fotografiche Apple, Largan Precision, la società ha annunciato di recente che le sue spedizioni diminuiranno in ottobre, seguite da un ulteriore calo che avverrà a novembre, simile a quello avvenuto alla fine del 2017. Inoltre, il livello previsto degli ordini nel mese di dicembre non è ancora chiaro.

I fornitori temono per la domanda complessiva dei nuovi iPhone 28097 43140 iphone xs iphone xr l TechNinja

Le dichiarazioni della supply-chain sembrano andare contro alle previsioni di Kuo

Si ritiene, inoltre, che la guerra commerciale in corso tra gli Stati Uniti e la Cina inciderà sulla domanda complessiva di smartphone, con le spedizioni nel quarto trimestre del 2018 già in decelerazione.

Al momento non è chiaro la ragione per la quale sia apparso l’allarme dei produttori di componenti; a prima vista, il calo degli ordini non sembra essere più pronunciato rispetto a quello presente negli anni precedenti, con normali diminuzioni stagionali.

La relazione sulla supply chain sembra andare contro le dichiarazioni rese dall’analista Ming-Chi Kuo, le quali prevedono una domanda più alta del previsto per l’iPhone XR; secondo le sue previsioni, infatti, Apple avrebbe cambiato le stime di spedizioni totali per iPhone da 80 milioni a 83 milioni di unità.