Un teardown di Galaxy Note 9 mostra i suoi componenti interni

Un teardown dettagliato di Samsung Galaxy Note 9 offre agli utenti un'idea dei suoi componenti interni.

Alcuni giorni fa, un primo teardown del Samsung Galaxy Note 9 ha rivelato che il telefono è dotato di un sistema di raffreddamento a liquido, proprio come il Samsung Galaxy S7 Edge. Ora, un più dettagliato teardown di TechInsights ci mostra i singoli componenti più importanti della nuova ammiraglia coreana, uno per uno. Il modello mostrato nelle foto, tuttavia, è la variante americana del dispositivo caratterizzata dallo Snapdragon 845; la versione europea, invece, è alimentata dall’Exynos 9810.

Galaxy Note 9 teardown

Un teardown di Galaxy Note 9 mostra i suoi componenti interni c1 TechNinja

Il teardown ha rivelato la presenza di un modulo SDRAM LPDDR4X Samsung K3UH6H60AM-AGCJ (6 GB di RAM) in un PoP (pacchetto su pacchetto). All’interno del telefono, come è possibile vedere, c’è anche una memoria interna Samsung KLUDG4U1EA-B0C1 con una capacità di 128 GB eUFS 2.1. Inoltre, è presente un controller NFC 80T17 realizzato da NXP ed un modulo Wi-Fi e Bluetooth Murata KM8509176. Infine, si vede l’amplificatore Maxim MAX98512, un modulo LTE Broadcom AFEM-9096 e il codec audio WDC9341 di Qualcomm.

Un teardown di Galaxy Note 9 mostra i suoi componenti interni c2 TechNinja

Tutti i sensori delle fotocamere sono stati separati dal resto dei telefoni, evidenziando una doppia fotocamera posteriore con risoluzioni da 12 MP, OIS e diaframmi variabili (è possibile utilizzare f / 1.5 ef / 2.4), nonché una camera frontale da 8 MP con apertura f / 1.7.

Una doppia SIM è posizionata nella parte superiore del telefono: Samsung Galaxy Note 9 è disponibile sia con una singola SIM che con doppia SIM; in quest’ultima soluzione è presente uno slot ibrido che può essere utilizzato anche come slot di espansione (se non si utilizza una seconda SIM). Infine, vi è ovviamente il sistema di raffreddamento a liquido menzionato sopra. A ben vedere, gli interni non sembrano essere molto diversi da quelli presenti nel precedente Galaxy Note 8.