Google potrebbe lanciare uno smartwatch con intelligenza artificiale

Il nuovo smartwatch di Google, basato sull’intelligenza artificiale, suggerirebbe esercizi e cibo in base alle abitudini dell’utente.

Google ed i suoi partner stanno lentamente, ma inesorabilmente, cercando di rivitalizzare gli smartwatch basati su Android e sembra che stiano per utilizzare l’intelligenza artificiale per dare una svolta ai propri device. Secondo alcune indiscrezioni, infatti, presto potrebbe arrivare Google Coach, un assistente WearOS in grado di utilizzare l’intelligenza artificiale per migliorare la salute e la forma fisica degli utenti. Piuttosto che tracciare semplicemente le attività e far apparire un flusso infinito di promemoria, il nuovo dispositivo sarebbe capace di consigliare arrivamente le modifiche da apportare alla propria attività, oltre a fornire utili suggerimenti personali.

Google Coach: assistente wearOS

Google potrebbe lanciare uno smartwatch con intelligenza artificiale %name TechNinja

Lo strumento di coaching controllerebbe gli esercizi e fornirebbe suggerimenti o nuove routine; inoltre, potrebbe fornire alternative alla palestra.

Anche se il monitoraggio del cibo non è nuovo, Google Coach potrebbe suggerire pasti sani, generare piani pasto (possibilmente utilizzando il calendario) e creare liste della spesa. Inoltre, Google potrà creare notifiche unitarie, in modo da ricordare all’utente di bere più acqua o di aumentare i passi giornalieri.

Google Coach utilizzerà l’intelligenza artificiale per offrire consigli personalizzati

La funzione potrebbe essere utilizzata anche sui telefoni, ma ovviamente sarebbe centrata “principalmente” su Wear OS; questo fatto non sorprende dal momento che uno smartwatch sarebbe praticamente necessario per fornire dati di fitness ragionevolmente precisi. Non viene menzionato un periodo di tempo per una possibile implementazione, ma Coach potrebbe diffondersi su Google Home, Android TV e altre piattaforme.

Questa nuova funzione potrebbe fornire a Google un vantaggio competitivo. Infatti, nonostante esistano già app di coaching che suggeriscono nuovi allenamenti e tracker nutrizionali che consigliano i livelli di assunzione di calorie in base all’attività, nessuno di questi ha il lusso di poter utilizzare l’intelligenza artificiale di Google, l’integrazione a livello di OS e la gamma di servizi Internet. Google Coach potrebbe essere attraente semplicemente perché Google avrebbe maggiori informazioni sulle abitudini degli utenti rispetto ad altri competitors. A sua volta, potrebbe aiutare Wear OS a competere meglio con smartwatch sempre più salutisti ed utilizzati come Apple, Fitbit e Samsung.