La A12 di Apple non sarà il primo chipset da 7 nanometri

Apple non sarà la prima azienda ad alimentare i suoi device con un processore a 7 nanometri; la prima potrebbe essere, invece, Huawei con il suo Kirin 980.

A quanto pare, non dovremo aspettare il Galaxy S10 nel 2019 e nemmeno gli iPhone 2018 per vedere il primo chipset mobile realizzato con il processo a 7 nanometri di prossima generazione. Un benchmark trapelato del prossimo processore Kirin 980 di Huawei, infatti, indica che questo chipset sarà il primo ad uscire dalla porta della fonderia di TSMC.

Processori 7 nanometri

La A12 di Apple non sarà il primo chipset da 7 nanometri %name TechNinja

I processori 7nm di prima generazione porteranno ad una riduzione del 40% delle dimensioni del chip per lo stesso numero di transistor e fino al 40% in più di efficienza rispetto all’attuale generazione a 10 nm, presente in device come come Galaxy S9 o iPhone X.

La A12 di Apple non sarà il primo chipset da 7 nanometri %name TechNinja

Kirin 980 aumenterà l’efficienza del 40%

Il nuovo Kirin 980, che le indiscrezioni danno per scontato sul prossimo Mate 20 Pro di Huawei, avrà anche un LTE Cat. 19 modem collegato che consentirà al telefono di raggiungere velocità di download fino a 1.6 Gbps (in base alle capacità di fornitura dell’operatore telefinico, ovviamente). Huawei Mate 10 Pro è stato il primo con un modem 1.2Gbps lo scorso anno e il suo successore sarà ancora pioniere della velocità LTE, a quanto pare.

Kirin 980 sarà in grado di alimentare display 4K e tre processori di segnali di immagine e questo potrebbe suggerire che il Mate 20 Pro potrebbe essere dotato di tripla telecamera. Sarà presente anche l’unità di elaborazione neurale di Huawei di prossima generazione (un nome di fantasia per sottosistemi IA dedicati), con funzionalità notevolmente migliorate rispetto all’edizione dello scorso anno.

Il sottosistema grafico di Kirin, fino ad ora il suo tallone d’Achille, riceverà un enorme impulso grazie ad un processore grafico Mali-G72 a 24 core che garantisce prestazioni più elevate, oltre ad un aumento dell’efficienza di estrazione della batteria.