Galaxy Note 9 si presenta su Geekbench con il SoC Exynos 9810

Il nuovo Galaxy Note 9 di Samsung potrebbe arrivare presto, ma non prima di agosto; nel frattempo, é apparso su GeekBench il modello alimentato dal chipset Exynos 9810.

Samsung potrebbe essere alle prese con il prossimo rilascio di Galaxy Note 9; alcuni rapporti, infatti, hanno suggerito che il possibile arrivo di uno smartphone pieghevole della società coreana renderebbe più probabile un lancio accelerato per i flagship della serie Galaxy S e Galaxy Note.

Galaxy Note 9 su GeekBench

Tuttavia, per quanto riguarda il nuovo Note 9, sembra che il dispositivo possa essere annunciato a breve, ma comunque non prima di agosto, esattamente un anno dopo il debutto del Galaxy Note 8.

Galaxy Note 9 si presenta su Geekbench con il SoC Exynos 9810 %name TechNinja

Exynos Galaxy Note 9 ha punteggi migliori rispetto alla versione Snapdragon

La variante Exynos del Galaxy Note 9, che sarà quella venduta nella maggior parte dei mercati, è appena stata avvistata per la prima volta su Geekbench; il modello Exynos (SM-N960N, per la Corea del Sud) ha le stesse specifiche del modello con Snapdragon. Il device ha 6 GB di RAM ed é alimentato da Android Oreo 8.1. Anche se il punteggio delle prestazioni multi-core è simile a quello che può ottenere il Galaxy S9 +, le prestazioni single-core sono notevolmente inferiori, senza dubbio perché Samsung non ha ancora completato l’ottimizzazione del software.

Galaxy Note 9 si presenta su Geekbench con il SoC Exynos 9810 %name TechNinja

I punteggi sono, tuttavia, migliori rispetto al Note 9 con Snapdragon. Sarà interessante anche vedere quanto velocemente Samsung aggiornerà il Note 9 ad Android P. Qualcomm ha collaborato con Google per consentire agli OEM di sfruttare Project Treble, ma il destino di Galaxy S9 e Galaxy Note 9 sarà deciso dalla capacità di Samsung di adattare correttamente Project Treble al proprio chip Exynos. La storia racconta che il gigante coreano trova sempre un modo per ritardare i principali aggiornamenti del software e, non solo, perché ha bisogno di periodi di test più lunghi.