Facebook sta progettando propri chip hardware?

Secondo quanto riporta Bloomberg, Facebook sarebbe al lavoro sulla realizzazione di propri chip che saranno, probabilmente, utilizzati per attività di intelligenza artificiale.

Tra preoccupazioni sulla privacy in corso, si dice che Facebook stia formando un team per progettare i propri chip hardware. Secondo un nuovo report di Bloomberg, infatti, il famoso social network sarebbe al lavoro per cercare di costruire i propri processori e ridurre, così, la dipendenza da aziende come Qualcomm e Intel.

Il rapporto di oggi proviene sia da addetti ai lavori che da alcuni suggerimenti che riguardano gli annunci di lavoro; sembra, infatti, che Facebook sia alla ricerca di un gestore per creare un SoC / ASIC end-to-end, un firmware ed un’organizzazione di sviluppo dei driver. Il tipo di specializzazione richiesta  indica che gli sforzi di Facebook sono alle prime fasi.

Produzione di chip propri per Facebook

Facebook sta progettando propri chip hardware? %name TechNinja

I post non hanno chiarito a cosa serviranno i chip; probabilmente, sarà relativo ad attività relative all’intelligenza artificiale. Bloomberg ipotizza che possano alimentare dispositivi hardware, software di intelligenza artificiale e operazioni di data center. Ad esempio, il mese prossimo Facebook lancerà le cuffie per la realtà virtuale Oculus Go, alimentate da un processore Qualcomm.

Facebook vuole maggiore controllo sul processo di sviluppo

Inoltre, si dice che Facebook stia sviluppando una serie di “altoparlanti intelligenti” che potrebbero anche beneficiare di processori di prima qualità.

Utilizzando i propri processori, Facebook otterrebbe un maggiore controllo sul processo di sviluppo e sull’eventuale set di funzionalità. È una mossa simile a quella di Apple, che ha iniziato a realizzare i propri processori nel 2010.

In definitiva, ci vorranno diversi anni prima che i chip di Facebook entrino a far parte dei prodotti hardware, anche se, probabilmente, è una buona notizia in quanto offre al social network l’opportunità di superare lo stato attuale delle preoccupazioni relative alla privacy.