Apple Watch: c’è una violazione di brevetto?

Una società del Michigan ha citato in giudizio Apple sostenendo che la tecnologia utilizzata per misurare la frequenza cardiaca nell'ultimo Apple Watch viola la sua tecnologia brevettata.

0
22
Apple Watch: c’è una violazione di brevetto?

Come dettagliato in un nuovo rapporto di Axios, Apple sta affrontando una causa indetta da Omni MedSci, con sede nel Michigan, per un brevetto violato da Apple Watch. L’azienda ha affermato che lo SmartWatch di Apple avrebbe utilizzato la loro tecnologia per il rilevamento della frequenza cardiaca, violando un brevetto.

Apple Watch ha violato un brevetto?

Omni MedSci afferma di aver incontrato Apple nel corso del 2014 fino al 2016; tuttavia, la società di Cupertino avrebbe poi smesso di parlare di un’eventuale collaborazione. Poco dopo, Apple ha introdotto la tecnologia, presumibilmente coperta dal brevetto di Omni MedSci, sul nuovo modello di Apple Watch.

Apple Watch: c’è una violazione di brevetto? %name TechNinja

Apple non ha ancora commentato l’accaduto

La causa è stata presentata venerdì nel distretto orientale del Texas. Omni MedSci afferma che Apple ha deliberatamente violato tre brevetti e chiede un’ingiunzione nei confronti dell’azienda, oltre ai danni. La corte del distretto orientale del Texas è notoriamente favorevole ai brevetti ed è stata patria di numerosi casi di violazione di brevetto.

Omni MedSci è di proprietà di Mohammed Islam e, da una rapida ricerca su Google dell’azienda, si intuisce che la società attribuisce grande importanza ai brevetti. Un articolo di Crain’s Detroit Business, un emittente locale, descrive così il responsabile dell’azienda:

Ha fondato sei compagnie sulla base dei suoi brevetti. Insegna corsi sull’argomento, mostrando agli studenti di ingegneria dell’Università del Michigan i modi giusti e sbagliati per vincere i brevetti. E ha raccolto più di 150 brevetti, o almeno così pensa.

Apple deve ancora commentare le accuse promosse da Omni MedSci, ma è improbabile che sentiremo qualcosa fino a quando il caso legale non avanzerà maggiormente.