Dopo Apple, ora anche Google si accorda col Fisco italiano.

0
108
fisco

Warning: simplexml_load_string(): Entity: line 1: parser error : Space required after the Public Identifier in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider_API.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Warning: simplexml_load_string(): <!DOCTYPE HTML PUBLIC "-//IETF//DTD HTML 2.0//EN"> in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider_API.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Warning: simplexml_load_string(): ^ in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider_API.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Warning: simplexml_load_string(): Entity: line 1: parser error : SystemLiteral " or ' expected in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider_API.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Warning: simplexml_load_string(): <!DOCTYPE HTML PUBLIC "-//IETF//DTD HTML 2.0//EN"> in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider_API.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Warning: simplexml_load_string(): ^ in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider_API.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Warning: simplexml_load_string(): Entity: line 1: parser error : SYSTEM or PUBLIC, the URI is missing in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider_API.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Warning: simplexml_load_string(): <!DOCTYPE HTML PUBLIC "-//IETF//DTD HTML 2.0//EN"> in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider_API.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Warning: simplexml_load_string(): ^ in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider_API.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Dopo Apple, ora anche Google si accorda col Fisco italiano. apple google afp TechNinjaLe previsioni erano state corrette, dopo Apple tocca a Google che a quanto pare, dovrà versare ben 150 milioni al Fisco italiano. L’accordo della casa di Cupertino con l’Agenzia delle Entrate è ormai una pietra miliare che con ogni probabilità spingerà molte multinazionali a saldare i propri debiti fiscali. La maggior parte dei contenziosi riguardava società tecnologiche ma ad essere sotto accusa troviamo anche Ryanair e Prada. Queste società nonostante operassero in italia, non versavano le proprie imposte al nostro Fisco, servendosi di metodi elusivi come il Double Irish.

La bozza dell’accordo col Fisco.

Poche ore dopo Apple, anche Google ha iniziato a trattare per versare nelle casse dell’erario un assegno milionario, anche se la cifra ipotizzata è esigua. Secondo gli studi, l’azienda americana incassa oltre un miliardo grazie alla pubblicità. L’accordo in questo caso è ancora una bozza e non è stato firmato ma dovrebbe diventare ufficiale entro fine mese. La parte ancora in discussione è sicuramente il quantum da versare, somma ancora non definita ma che si dovrebbe aggirare intorno ai 150 milioni di euro.

Irlanda, fisco leggero o paradiso fiscale?

In molti hanno spiegato il meccanismo o trucco per poter evadere le tasse è semplice ed usato da molti. Le aziende ne fondano una di facciata che svolge l’attività di comunicazione e consulenza. La maggior parte del fatturato derivante da queste attività e dalle vendite dei prodotti è dichiarato in Irlanda, che ha un regime fiscale decisamente più vantaggioso per le aziende. L’idea iniziale del paese, era implemetare una politica che portasse alla riduzione degli effetti della crisi che l’ha fortemente colpito, creando di fatto un paradiso fiscale per le multinazionali. Dopo l’accordo di Apple e questa bozza, non ci resta che aspettare i prossimi sviluppi. Cosa ne pensate? Lasciate le vostre previsioni nei commenti.

Da Today.it

Se questo articolo ti è piaciuto, per mantenerti aggiornato seguici su FacebookTwitterGoogle Plus, YouTube e Telegram.