Galaxy S9: sarà questa la posizione del sensore di impronte digitali?

Uno screenshot della schermata di rilevazione dei battiti cardiaci sembra mostrare una nuova posizione del lettore di impronte digitali del prossimo Galaxy S9 di Samsung.

Senza volersi addentrare nei meandri dei gusti personali o estetici degli utenti, Galaxy S8 e Galaxy S8 Plus sono stati molti criticati per la posizione del sensore di impronte digitali; la sua collocazione, infatti, è apparsa a tutto troppo in alto e troppo vicino al sensore della fotocamera posteriore. La stessa collocazione è apparsa anche sul successivo Galaxy Note 8.  Tuttavia, sembrano esserci buone notizie per i fan di Samsung; sembra che la posizione del sensore possa cambiare nel nuovo Galaxy S9. 

Nuova posizione del sensore

Uno screenshot della schermata di rilevazione dei battiti cardiaci, trapelato da quello che dovrebbe essere un presunto Galaxy S9 in azione, mostra una stilizzata parte posteriore del nuovo e prossimo flagship di Samsung. Come nel Galaxy Note 8, probabilmente, il modello Plus sarà dotato di un doppio sensore; lo spazio dedicato alla fotocamera posteriore appare allungato in verticale. Appena sotto, appare un’altra area di forma rettangolare che, con molta probabilità, potrebbe accogliere il sensore di impronte digitali.

Galaxy S9: sarà questa la posizione del sensore di impronte digitali? 006hl97hly1fm9ma9mt8vj30qo1it40q TechNinja

Non sarà implementato nel display

Nonostante la presunta posizione sembri sicuramente migliore di quella precedente, il sensore appare comunque troppo in alto; alcuni utenti potrebbero trovarla scomoda.

Al momento, quindi, sembra che anche i nuovi Galaxy S9 e S9 Plus non avranno l’implementazione del sensore sotto al display; probabilmente, l’attenzione verrà spostata verso sistemi di riconoscimento facciale 3D, sull’onda del FaceID di Apple. Secondo diversi analisti, infatti, i prossimi anni saranno più che diffusi nuovi smartphone che si baseranno sul riconoscimento facciale; lo sblocco tramite impronte digitali verrà via via soppiantato dalle nuove tecnologie di riconoscimento.