La piastra di carica Apple AirPower utilizza il protocollo Qi, ma potrebbe non essere compatibile con altri dispositivi

La piastra di carica AirPower di Apple sarà in grado di caricare tre dispositivi Qi e sembra essere il primo dispositivo a sfruttare la capacità del protocollo di caricare più device sullo stesso caricatore.

Attualmente, l’implementazione Qi più comune consente di caricare un dispositivo da una stazione base. Ad esempio, il piatto di ricarica Belkin, annunciato martedì, si conforma rigorosamente a tale requisito. Tuttavia, nessuna piastra sembra funzionare come AirPower di Apple che consentirà di ricaricare assieme iPhone, Apple Watch e AirPods posizionandoli liberamente sulla piastra. L’utente, quindi, non dovrà scegliere tra nessuna posizione specifica assegnata, ma potrà liberamente posizionare i dispositivi.

Gli utenti di AirPower di Apple, quindi, potranno usufruire di due funzionalità esclusive, non presenti in altre basi di ricarica, come il supporto multi dispositivo e la libertà di posizionamento. Nonostante tutto questo sia sempre stato consentito nello standard Qi, nessun altro costruttore, prima di Apple, ci aveva mai pensato in questo modo.

Come lavora Qi?

La piastra di carica Apple AirPower utilizza il protocollo Qi, ma potrebbe non essere compatibile con altri dispositivi 22815 28077 22801 28030 AirPower l l l TechNinja

Lo standard Qi si basa sull’induzione tra due bobine per fornire alimentazione ad un dispositivo che richiede la ricarica. La stazione base contiene una bobina di trasmissione che genera un campo magnetico oscillante che induce una corrente alternata nel campo di ricezione.

La piastra di carica Apple AirPower utilizza il protocollo Qi, ma potrebbe non essere compatibile con altri dispositivi 22815 28078 airpower top l TechNinja

Qi consente il posizionamento libero

Qi consente, inoltre, di ottenere il posizionamento libero; i dispositivi messi su di una piastra comunicano la loro posizione e il campo viene indotto, solo sotto il dispositivo, dai generatori di flusso operanti in tandem.

Apple sembra utilizzare questo metodo per un trio di dispositivi che possono essere collocati in qualsiasi ordine e in qualsiasi posizione del pad. Lo standard Qi, supportato dai nuovi iPhone X, iPhone 8 e iPhone 8 Plus sembra essere una versione piuttosto recente e personalizzata e, per tale motivo, si pensa possa funzionare solo con Apple.

Apple, membro del Wireless Power Consortium da febbraio, potrebbe condividere questa sua implementazione dello standard Qi con gli altri costruttori membri dell’associazione, anche se al momento è solo un’ipotesi.