Rilasciato Chrome 59

Google ha dato il via al rilascio dell’aggiornamento, portando sui nostri dispositivi Chrome 59

Chrome, che se non si è vissuto in un igloo negli ultimi dieci anni tutti sappiamo essere il popolare browser creato da Google, riceve questo aggiornamento su tutte le piattaforme: Windows, macOS e Linux.
Il team di sviluppo di Mountain View ha migliorato l’esperienza d’uso e la sicurezza del browser, andiamo a scoprire come.

Rilasciato Chrome 59, ecco le novità

Rilasciato Chrome 59 google chrome 59 impostazioni material 03 1024x481 TechNinja

Numerose le novità sul fronte sicurezza, con addirittura 30 vulnerabilità risolte, andando a creare un’esperienza di navigazione sempre più sicura.
Modifiche lato codice (e quindi under the hood), chiaramente non visibili direttamente agli occhi degli utenti.

La prima cosa che salta all’occhio è il lavoro di restyling, in chiave Material Design, della pagina delle impostazioni.
In alto è possibile trovare la casella di ricerca contenuta all’interno della bella barra del titolo, di colore blu, mentre le varie sezioni interne sono state suddivise utilizzando la classica grafica a schede.
Le sezioni, quindi, saranno consultabili con una semplicità nettamente superiore, anche grazie ai pratici collegamenti rapidi presenti nel menu di navigazione laterale

È stata aggiunta, per la gioia degli sviluppatori, la possibilità di eseguire Chrome da riga di comando su Linux e macOS (per Windows dovrebbe arrivare a breve); gli sviluppatori saranno gioiosi, dicevamo, perché in questo modo ottengono la possibilità di eseguire test automatizzati senza bisogno dell’interfaccia grafica.

Arrivato, come previsto, il supporto alle immagini PNG animate; immagini in tutto e per tutto simili alle GIF, ma che si differenzano per alcune caratteristiche tipiche del formato, come il supporto alla trasparenza e una profondità di colore di 8 bit.

Chiunque abbia già installato il browser, riceverà automaticamente l’aggiornamento, che si installerà e configurerà al primo riavvio, in alternativa sarà comunque possibile scaricare l’update direttamente dal sito ufficiale.