Skype: la versione nativa per Linux smetterà di funzionare a Luglio

Le vecchie versioni dell’app Skype per Linux cesseranno di funzionare dal 1° Luglio 2017.

Microsoft, dopo aver annunciato una versione completamente nuova di Skype (che però, purtroppo, non vede Linux tra i sistemi operativi interessati), ha deciso di tagliare completamente i ponti con le precedenti versioni.
Tutte le versioni dei client Skype per Sistemi Operativi GNU/Linux, dalla versione 4.3 in poi, smetteranno ufficialmente di poter essere utilizzati dal 1° Luglio.

Skype 4.3 è la versione più aggiornata del client Qt, risalente ad Agosto 2014, e da allora non è più stata aggiornata.
Chi volesse continuare ad utilizzare Skype, dovrà installare l’ultima versione della web-app, Skype for Linux Beta 5.3.

I limiti di quest’ultima versione sono purtroppo abbastanza conosciuti.
Il team di sviluppo ha da poco introdotto le videochiamate, ma sono diverse le funzioni totalmente assaenti: screen sharing e gestione avanzata di audio e video come principali.
Peraltro l’integrazione col desktop è davvero il minimo sindacale, o forse un pochino sotto.

La versione nativa di Skype per Linux non funzionerà più da Luglio

Skype: la versione nativa per Linux smetterà di funzionare a Luglio Skype for Linux Client 4.3 retired TechNinja

I primi segnali poco confortanti erano arrivati già intorno al mese di Febbraio.

Alcuni utenti del vecchio client Skype per Linux (non Skype for Linux alpha) si erano visti recapitare un e-mail che andava a comunicare la cessazione del supporto al client a partire dal 1 Marzo, sottolineando la necessità di aggiornare alla versione più recente.

Successivamente Microsoft ha voluto fare un passo indietro, dichiarando che quella mail era stata inviata per errore e che il funzionamento del servizio non era in pericolo.
Insieme alle scuse per l’errore, però, è arrivata anche al comunicazione che, in un futuro non troppo lontano, le vecchie builds avrebbero smesso di funzionare, questa volta per davvero.

La cosa davvero fastidiosa è che il client è ancora enormemente utilizzato dall’utenza.

Le alternative a Skype

Le alternative davvero valide, purtroppo, non sono molte.
Anche perché bisogna considerare la problematica di convincere i propri contatti Skype a muoversi verso altre piattaforme.
Tra i vari client ci sentiamo di suggerire Wire, oppure Telegram che ha da poco introdotto le chiamate anche su pc, così come il sempre verde Viber.