GoPro potrebbe presto diventare un marchio Apple

0
166
gopro

GoPro, secondo alcuni analisti americani, potrebbe presto diventare parte del gruppo Apple. Apple ha un potenziale di 206.000.000.000 $ di utili e da qui, come ogni fine anno, si fanno previsioni più o meno veritiere, su come verranno re investiti e quali saranno le novità future. In particolare, l’analista di Wall Street Daniel Ives, ha espresso alcune sue personali ipotesi, su come questi soldi, potrebbero essere spesi.

Nonostante il continuo impegno nella ricerca e sviluppo dei prodotti futuri già in portafoglio, si pensa che nei prossimi anni Apple entrerà in nuovi settori di business ancora inesplorati dalla casa di Cupertino e che si stanno velocemente espandendo, grazie all’enorme richiesta a livello mondiale. In particolare, i settori delle action-cam, della realtà virtuale e dei droni, stanno “fermentando” in maniera concreta. Detto questo, le maggiori case produttrici di elettronica, tra cui Apple, non possono assistere inermi senza pensarci. Quindi, chi si potrebbe acquisire ? Ives ha dato un suo parere a riguardo. La lista è caduta su queste quattro potenziali scelte:

  • Adobe, famosissima software house Americana
  • Box, azienda specializzata in servizi di archiviazione e sincronizzazione dei file
  • GoPro, azienda californiana specializzata in produzione di action-cam indossabili
  • Tesla Motors, azienda californiana produttrice di auto elettriche ad alte prestazioni

L’opinione di Ives è che sia Adobe che Box, possano permettere a Apple di aumentare in modo concreto gli “user” quali gruppi in multinazionali. Il mercato enterprise è nel focus di Cook da diverso tempo e viste le mosse già intraprese da Apple, firmando accordi con IBM e Cisco, si capisce come la strategia scelta, sia sempre più aggressiva. Potendo entrare come “partner” tecnico di compagnie simili, si potranno inoltre vendere molti più iPhone e iPad ai reparti IT aziendali. Box potrebbe aiutare, grazie alle sue peculiarità, allo sviluppo e al miglioramento di iCloud. Acquisire Adobe, permetterebbe ad Apple di dominare il mercato dei software creativi quali Photoshop, Lightroom e Illustrator, compatibili oramai anche sui device portatili. Inoltre Adobe possiede, nel suo ventaglio software, una suite di web analytics che farebbe molto gola a chiunque. Questo “regalino” che si farebbe Apple, potrebbe costare intorno ai 45 miliardi di dollari, e sarebbe l’acquisizione più onerosa, fatta nella storia della mela ( tanto per fare un paragone, Beats è costata “solo” 3 miliardi di dollari).

GoPro potrebbe presto diventare un marchio Apple gopro 300x300 TechNinja

GoPro, necessità di aiuti finanziari, dato che quest’anno, le sue azioni sono crollate del 73%. Il ruolo di GoPro, all’interno del macrocosmo Apple, sarebbe quello di traino per lo sviluppo di piattaforme multimediali future, quali iTunes e Apple TV. Inoltre farebbe recuperare del tempo perso nella svolta alla realtà virtuale, settori dove Google e Facebook sono già in pianta stabile da un po’. Infine, c’è la Tesla…E’ da tempo che circola questa voce intorno alla società di Musk (presidente Tesla Motors e co-foundatore PayPal). L’ipotesi di accordo fra le due società è molto complicata, sia per motivi economici ( si parla di circa 30 miliardi di dollari di esborso eventuale), che di volontà di cessione da parte della proprietà. La voglia di iCar, sapendo anche di un progetto Top Secret chiamato Project Titan da parte di Apple, è forte ma bisogna vedere se nei piani più prossimi, ci sarà questo debutto che, secondo Ives, avverrà entro il 2020.

 

Seguiteci su FacebookTwitterGoogle PlusTelegram e Youtube per essere sempre aggiornati su tutto ciò che riguarda il mondo della tecnologia!