Samsung: scanner iride non si inganna così facilmente

E' davvero così semplice ingannare lo scanner dell'iride di un Samsung Galaxy S8? Dopo le tante discussioni di questi ultimi giorni, il colosso coreano ha deciso di dire la sua in merito alla questione.

0
81
Samsung: scanner iride non si inganna così facilmente

Warning: simplexml_load_string(): Entity: line 1: parser error : Space required after the Public Identifier in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider_API.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Warning: simplexml_load_string(): <!DOCTYPE HTML PUBLIC "-//IETF//DTD HTML 2.0//EN"> in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider_API.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Warning: simplexml_load_string(): ^ in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider_API.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Warning: simplexml_load_string(): Entity: line 1: parser error : SystemLiteral " or ' expected in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider_API.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Warning: simplexml_load_string(): <!DOCTYPE HTML PUBLIC "-//IETF//DTD HTML 2.0//EN"> in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider_API.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Warning: simplexml_load_string(): ^ in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider_API.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Warning: simplexml_load_string(): Entity: line 1: parser error : SYSTEM or PUBLIC, the URI is missing in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider_API.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Warning: simplexml_load_string(): <!DOCTYPE HTML PUBLIC "-//IETF//DTD HTML 2.0//EN"> in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider_API.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Warning: simplexml_load_string(): ^ in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider_API.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Nelle scorse ore, e non solo, si è dibattuto parecchio sulla possibilità che ingannare lo scanner dell’iride fosse facile. Poteva non arrivare una risposta ufficiale da parte di Samsung? Ovviamente no e quest’ultima non si è fatta attendere più del necessario. Vediamo, quindi, cosa ha risposto il colosso sud coreano in merito alla questione.

Scanner iride risposta Samsung

Come detto, la risposta ufficiale di Samsung dopo le esternazioni di Chaos Computer Lab non si è fatta arrendere. Se da una parte c’è chi sostiene che ingannare lo scanner dell’iride sia abbastanza facile, il colosso risponde che, in realtà, non è tutto così semplice come viene mostrato.

Ma andiamo per gradi. Iniziamo con il dire che i ragazzi di Chaos Computer Lab hanno utilizzato un metodo molto semplice per provare a ingannare lo scanner dell’iride di Galaxy S8. Hanno, praticamente, stampato un’immagine a infrarosso dell’occhio e hanno applicato sulla stessa una lente a contatto.  Come dimostra il video che riportiamo, il metodo in questione, seppur semplice sembra funzionare.

E Samsung, cosa ha detto? Dato che proprio lo scanner dell’iride è uno dei punti di forza del Samsung Galaxy S8, non poteva rimanere indifferente a quanto affermato.

Ecco, quindi, che la risposta ufficiale non si è fatta attendere. Samsung ha cercato di assicurare ai propri user che quella che è la tecnologia dello scanner dell’iride che si trova su Galaxy S8 è creata, nonché testata, in modo tale da evitare ogni problema connesso alla sicurezza. Inoltre, Samsung ha altresì affermato che in caso di scoperta di una possibile vulnerabilità, questa sarebbe stata risolta da tempo.  Se ciò non è avvenuto è perché non ci sono problemi per la sicurezza e la privacy.

Nel dettaglio, la risposta del colosso ci arriva dalle pagine di The Korea Herald. Proprio qui un dirigente Samsung, che ha parlato in nome dell’azienda, ha sottolineato che risulta essere del tutto irrealistico ingannare lo scanner dell’iride del nuovo Galaxy S8. Nello specifico, è pressoché impossibile che questo accada nella vita reale perché, come spiegato, è necessario essere in possesso di una fotocamera capace di catturare la luce infrarossa che di certo non è di uso comune. Ma le difficoltà non finiscono qui. Si dovrebbe anche fare una foto all’iride del proprietario del device, per poter successivamente effettuare il furto.

Insomma, una serie di cose che sembrano veramente impossibili da ottenere. Pertanto, sottolinea Samsung, la sicurezza degli S8 rimane assolutamente alta ed è estremamente impossibile, se non addirittura irreale, che possa accadere una cosa del genere.