Windows server aggiunge il supporto a Linux Subsystem

0
99
Microsoft termina il supporto della versione originale di Windows 10

Come immagino già saprete, e come abbiamo anche già accennato, Microsoft nel corso della scorsa Build developer conference ha annunciato l’introduzione di Windows Subsystem for Linux (WSL).
Il fine di questa mossa, chiaramente, è quello di far sentire a proprio agio su Windows gli sviluppatori abituati a Linux.

WSL non è una cross-compilazione, nè tanto meno una macchina virtuale, ma stiamo parlando di una vera e propria Bash su Windows 10, un supporto nativo, quindi.
Questa cosa è stata possibile grazie allo sforzo congiunto dei team di sviluppo di Ubuntu e di Microsoft, che sono riusciti nell’impresa di tradurre in tempo reale le chiamate di sistema di Linux in chiamate di sistema di Windows.
Il sistema pare funzionare talmente efficacemente che in alcuni test l’installazione nativa, per esempio di Ubuntu, offre risultati inferiori rispetto al test eseguito in ambiente WSL.

Windows server 2016 e Windows 10 condividono numerosi componenti, ma il sistema operativo lato server, fino ad oggi, non aveva il supporto per WSL, cosa che rendeva l’offerta Linux su piattaforma Windows sostanzialmente limitata allo sviluppo, con questa mossa Microsoft ha posto rimedio al problema.

Windows server supporta Linux

Windows server aggiunge il supporto a Linux Subsystem Windows Server TechNinja

La casa fondata da Bill Gates ha affermato che questa scelta andrà a permettere di facilitare le funzioni amministrative. Ovviamente, grazie a WSL, Windows server potrà eseguire script scritti originariamente per Linux.
Ci sentiamo di poter azzardare che Windows non voglia fermarsi qui e, fra non molto, probabilmente offrirà la possibilità di eseguire software scritto in origine per Linux.

Fino ad oggi Windows Server 2016 è stato equivalente a Windows 10 LTSB, Long Term Servicing Branch.
LTSB non riceve aggiornamenti frequenti, ma esclusivamente major release, una volta ogni paio d’anni, d’ora in poi questi aggiornamenti saranno sincronizzati tra Windows server e la sua versione desktop. In aggiunta, da ques’estate, Windows Server entrerà nel Windows Insider program consentendo a Microsoft di offrire una serie di preview del sistema operativo per server.