John McAfee si appresta a lanciare il primo smartphone a prova di hacker

Il John McAfee Security Phone, questo il nome del dispositivo, permette di disabilitare le componenti interne tramite tasti fisici: sarà veramente immune da ogni attacco hacker?

0
73

Il nome John McAfee vi dice qualcosa? Dovrebbe, visto che stiamo parlando di uno dei più validi programmatori attivi nel campo della sicurezza dei pc, realizzatore del noto software McAfee, oggi però non più sotto il suo controllo.

John McAfee si appresta a lanciare il primo smartphone a prova di hacker 18121698 811676508988531 2759946153322830013 o TechNinjaMcAfee ha infatti lasciato la società da lui stesso fondata per lanciarsi in un nuovo mondo, quello degli smartphone. In collaborazione con MGT, McAfee ha realizzato un primo dispositivo, che si è mostrato in uno scatto proprio insieme al suo ideatore: si tratta di uno smartphone con a bordo Android, chiamato John McAfee Privacy Phone (questo, a quanto pare, sarà anche il nome definitivo).

Tasti fisici per disattivare antenna e batteria: il John McAfee Privacy Phone sembra essere inviolabile

Stando alle parole dello stesso McAfee, il John McAfee Privacy Phone sarà il primo smartphone “veramente privato”, rendendo impossibile (o quasi) carpire da esso qualsiasi tipo di informazione, a patto che ovviamente non lo voglia l’utente. Le specifiche tecniche vere e proprie del device non sono state rivelate, e saranno rese note una settimana prima del suo debutto ufficiale, che comunque non dovrebbe tardare molto.

Sappiamo, però, che il John McAfee Privacy Phone presenta numerosi tasti fisici, posti sul bordo (e forse sul retro) del dispositivo, che permettono di disabilitare via hardware, e singolarmente, le componenti più sensibili in termini di sicurezza: antenna WiFi, batteria, moduli Bluetooth e GPS, oltre ovviamente a fotocamera e microfono.

John McAfee si appresta a lanciare il primo smartphone a prova di hacker john mcafee privacy phone smartphone.0 TechNinjaA bordo dello smartphone troviamo Android, che di certo non è un sistema noto per la sua sicurezza: tuttavia, stando a quanto detto da McAfee, l’OS non influenzerà in alcun modo la sicurezza dello smartphone, che sarà immune da ogni tentativo di attacco, anche da quelli lanciati da remoto.

Quanto ciò possa essere vero, e quanto queste caratteristiche possano interessare l’utente medio (cui comunque lo smartphone non è rivolto) non possiamo saperlo: sappiamo però che sicuramente il prezzo non lo renderà un prodotto troppo popolare. Quanto? 1100 dollari, una cifra che, almeno in parte, potrebbe essere giustificata dalle ancora non note specifiche tecniche.