Foxconn vuole acquistare la divisione semiconduttori Toshiba

Foxconn offre 27 miliardi di dollari per l'acquisto della divisione Toshiba che produce le memorie NAND, Dell'acquisto ne gioverebbe anche Apple.

0
63
Foxconn vuole acquistare la divisione semiconduttori Toshiba

Una notizia di queste ultime ore concerne l’offerta che Foxconn ha deciso di fare per l’acquisto della divisione semiconduttori di Toshiba. Si tratterebbe di un ottimo affare, non solo per l’azienda cinese, ma anche per Apple che è il maggiore cliente della stessa e che, in questo modo, potrebbe avere numerosi vantaggi su quelli che sono i principali competitor, Samsung in primis.

Foxconn interessata alla divisione semiconduttori Toshiba

La notizia è apparsa, per la prima volta, sul Wall Street Journal e, a quanto pare, ha un fondamento abbastanza solido e non si tratterebbe solo di un rumor.

Foxconn vuole acquistare la divisione semiconduttori Toshiba Apple Foxconn logo TechNinja

Stando a quanto si dice, l’offerta avanzata è di ben 27 miliardi di dollari, che l’azienda cinese è pronta a sborsare per avere un bel vantaggio del quale, come sottolineato, godrebbe anche Apple. Come sappiamo, Foxconn è il partner più importante della casa di Cupertino, dato che è quello che permette di assemblarne i prodotti. Ecco che la notizia della proposta avanzata a Toshiba tange, indirettamente, anche Apple.

Specifichiamo che la divisione di Toshiba che si vuole acquistare è quella che produce le memorie NAND. Al momento, l’offerta di Foxconn è la migliore in assoluto rispetto alle altre ricevute e, pertanto, Toshiba potrebbe essere interessata a chiudere l’affare in breve tempo.

Tuttavia, il governo giapponese gradirebbe che l’affare fosse concluso con aziende nipponiche o, al massimo, americane, mentre non è ben vista l’offerta di un colosso cinese. Cosa dovrà, quindi, fare Toshiba che si trova tra due fuochi?

Sappiamo bene che, al momento, la situazione di Toshiba non è delle migliori, dato che la controllata che la gestisce, la statunitense Westinghouse Electric, sta per dichiarare la bancarotta e una offerta del genere potrebbe di certo fare comodo.