Netflix, streaming HDR non supportato su Samsung Galaxy S8 e LG G6

Nonostante i due flagship siano abilitati alla riproduzione di video HDR, Netflix li dichiara non compatibili: ecco perchè

0
108

Chiedendo assistenza ad un operatore di Netflix, i rappresentanti del noto portale PhoneArena sono venuti a conoscenza del fatto che, almeno per adesso, lo streaming di contenuti HDR del noto portale non è supportato da LG G6 e Samsung Galaxy S8, nonostante entrambi gli smartphone siano perfettamente compatibili con la fruizione di tali contenuti.

Netflix, streaming HDR non supportato su Samsung Galaxy S8 e LG G6 samusng galaxy s8 contro lg g6 TechNinjaUna notizia che ha fatto storcere il naso a molti, perchè il supporto all’HDR è stato uno dei cavalli di battaglia della nuova generazione di flagship che sta ora facendo la sua comparsa sul mercato; sa ancor più di beffa, se si pensa che la stessa Netflix aveva annunciato di essere pronta allo streaming HDR per smartphone.

Netflix: perchè niente HDR su LG G6 e Samsung Galaxy S8?

Attualmente, diverse sono le tecnologie utilizzate per la visualizzazione di contenuti HDR sui display di dispositivi, sia mobili che fissi: il display di Samsung Galaxy S8, ad esempio, per essere certificato “Mobile HDR Premium”, ha dovuto essere in grado di riprodurre tutti i colori appartenenti al Wide Color Gamut DCI-P3 (in parole povere, uno “spazio colore” che racchiude un numero maggiore di sfumature possibili rispetto a quelle tradizionali), e ha dovuto arrivare a 610 nits di luminosità (circa 1000 teorici in determinate condizioni).

Il display LG G6 è invece Dolby Vision, e ugualmente certificato come compatibile con lo standard HDR 10: pur soddisfacendo, in teoria, i requisiti tecnici, perchè allora Netflix dichiara i due dispositivi come non compatibili con l’HDR?

Netflix, streaming HDR non supportato su Samsung Galaxy S8 e LG G6 HDR netflix TechNinjaIl motivo è semplice: LG G6 e Samsung Galaxy S8 sono ora i grado di riprodurre video HDR, ma i risultati sono ottimali solo quando tali video sono salvati sulla memoria stessa dello smartphone, sono cioè precaricati. Con lo streaming è diverso perchè, pur avendo Netflix la possibilità di trasmettere contenuti adottando lo standard HDR 10 (compatibile con i due smartphone), il risultato ottenibile sarebbe ben lontano dalla perfezione: motivi tecnici in ogni caso, e non legati ai produttori; starà a Netflix, nei prossimi mesi, trovare una soluzione pratica all’inconveniente.