La posizione dello scanner di impronte digitali nel nuovo Galaxy S8 di Samsung è stato, probabilmente, un cambiamento dell’ultimo minuto

Secondo alcune indiscrezioni uscite prima del lancio del nuovo Galaxy S8 di Samsung, la posizione dello scanner di impronte digitali doveva essere nella parte anteriore del telefono, sotto lo schermo.

0
125
La posizione dello scanner di impronte digitali nel nuovo Galaxy S8 di Samsung è stato, probabilmente, un cambiamento dell'ultimo minuto

Chiedete a chiunque di dirvi dove dovrebbe essere posizionato un lettore di impronte digitali in uno smartphone e, anche se le risposte variano, nessuno direbbe mai “al centro, proprio accanto all’obiettivo della fotocamera posteriore“! Ma ecco, questo è esattamente dove Samsung ha posizionato il suo scanner di impronte digitali sul nuovo Galaxy S8.

E’ senza dubbio incredibile pensare sia stato progettato volutamente proprio in quella posizione, anche se le indiscrezioni circolate prima del lancio del nuovo smartphone suggeriscono che questa si tratta di una decisione presa all’ultimo.

Un rapporto del 13 marzo proveniente dalla Corea suggerisce che Samsung, in collaborazione con Synaptics, aveva inizialmente sperato di implementare la tecnologia di rilevamento delle impronte digitali direttamente all’interno dello schermo stesso.

Una fonte ha rivelato che:

Samsung ha versato risorse nella nascente tecnologia di Synaptics l’anno scorso, ma i risultati sono stati frustranti. Con l’inizio imminente della produzione, la società ha dovuto decidere lo spostamento del tasto relativo alla scansione delle impronte digitali sul retro del dispositivo, all’ultimo minuto.

Sarà davvero così scomoda la posizione del lettore di impronte digitali sul nuovo Galaxy S8 di Samsung?

Tuttavia, è molto difficile pensare che Samsung abbia compiuto un errore di progettazione così, per caso.

Va sottolineato che le società leader di hardware si scontrano quotidianamente con problemi di ingegneria e limitazioni; la debacle dello scorso anno del Galaxy Note 7 è nata dalla volontà di Samsung di spremere fino all’ultimo bit la batteria che poteva stare nel suo telefono premium. Pochi mesi dopo, anche il nuovo MacBook Pro di Apple sarebbe dovuto arrivare sul mercato con una batteria potente ma, alla fine, è stato rilasciato con una configurazione più convenzionale della batteria.

Per quanto riguarda il Galaxy S8 di Samsung, sarà necessario attendere almeno fino a quando il dispositivo non sarà tra le nostre mani; solo utilizzandolo sarà possibile capire e stabilire se la posizione dello scanner è davvero così infelice come sembra.