Microsoft venderà una versione custom di Samsung Galaxy S8

Nei Microsoft Store presenti su territorio americano sarà possibile acquistare una versione personalizzata del nuovo top di gamma di Samsung

0
150

Da ieri il web è inondato di articoli e video che parlano di Samsung Galaxy S8, e non poteva essere altrimenti: grande è stato l’hype creatosi intorno a questo smartphone, vista anche la sua assenza al Mobile World Congress di Barcellona.

Microsoft venderà una versione custom di Samsung Galaxy S8 sydney microsoft store rendering TechNinjaOra che tutto è stato reso ufficiale, alcuni fortunati possono già pensare all’acquisto del nuovo flagship di Samsung: le prevendite sono partite su diversi store online, primo fra tutti Amazon, ma le consegne non inizieranno prima della metà di Aprile. Chi però preferisce acquistare Samsung Galaxy S8 in un negozio fisico, deve sapere che può farlo anche in un Microsoft Store, a patto che si trovi negli Stati Uniti.

Samsung Galaxy S8 by Microsoft: cosa cambia?

E’ notizia di queste ore che nei Microsoft Store (per ora solo quelli ubicati nel territorio degli States) si potrà acquistare Samsung Galaxy S8, ma attenzione: il dispositivo che compreremo in uno dei negozi del colosso di Redmond sarà diverso dalla versione base presente sia negli store fisici che nei magazzini degli ecommerce.

Infatti, nei circa 100 Microsoft Store presenti in Nord America, verrà venduta una versione customizzata di Samsung Galaxy S8: in particolare, un apposito addetto avrà premura di connettere il device da noi acquistato alla rete Wi-Fi dello store, procedendo poi all’installazione di alcune app Android appartenenti all’universo Microsoft, come Cortana, Office, Outlook, e simili.

Microsoft venderà una versione custom di Samsung Galaxy S8 galaxy s8 review hands on 11 TechNinjaIn questo modo, appena usciti dal negozio avremo già uno smartphone dotato di tutte le utility Microsoft, che oggi sono tra le più utilizzate al mondo: per ora tale possibilità, come già detto, è limitata ai soli Stati Uniti, ma questa potrebbe non essere una condizione permanente. Del resto, Microsoft ha bisogno di slegarsi dal proprio sistema operativo mobile Windows 10, usato solo da una piccolissima parte degli utenti, per continuare a sviluppare al meglio la suite dei propri servizi disponibili per l’OS di Google.