Google Android: chiuse molte falle di sicurezza usate dalla CIA

Google Android e Chrome sono sicuri dopo la chiusura di diverse falle che erano nel mirino della CIA, come sottolineato da Wikileaks.

0
150
Google Android: chiuse molte falle di sicurezza usate dalla CIA

Warning: simplexml_load_string(): Entity: line 1: parser error : Space required after the Public Identifier in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider_API.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Warning: simplexml_load_string(): <!DOCTYPE HTML PUBLIC "-//IETF//DTD HTML 2.0//EN"> in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider_API.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Warning: simplexml_load_string(): ^ in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider_API.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Warning: simplexml_load_string(): Entity: line 1: parser error : SystemLiteral " or ' expected in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider_API.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Warning: simplexml_load_string(): <!DOCTYPE HTML PUBLIC "-//IETF//DTD HTML 2.0//EN"> in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider_API.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Warning: simplexml_load_string(): ^ in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider_API.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Warning: simplexml_load_string(): Entity: line 1: parser error : SYSTEM or PUBLIC, the URI is missing in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider_API.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Warning: simplexml_load_string(): <!DOCTYPE HTML PUBLIC "-//IETF//DTD HTML 2.0//EN"> in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider_API.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Warning: simplexml_load_string(): ^ in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider_API.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Da qualche giorno non si parla d’altro, dopo che Wikileaks ha annunciato di essere in possesso di alcuni documenti che potrebbero incolpare la CIA di un piano di hackeraggio a livello globale. Stando a quanto dice l’organizzazione, quindi, la CIA sarebbe stata pronta a spiare noi utenti attraverso alcune falle di sicurezza di taluni sistemi operativi.

Nello specifico, si parla di falle di Android, che potrebbero essere state utilizzate per presunti attacchi hacker. Ecco, quindi, che Google si è mossa e ha fatto sapere di aver preso dei provvedimenti.

Google Android: chiuse molte falle di sicurezza usate dalla CIA hackers1 TechNinja

Google Android e la sicurezza migliorata dopo l’affaire CIA

Proprio alla luce di quanto sta accadendo, Google ha dichiarato che Android e Chrome sono stati resi molto più sicuri, grazie alla risoluzione di talune falle di sicurezza che potrebbero essere utilizzati per scopi non proprio leciti.

Alla luce dei documenti rilasciati da Wikileaks, che risalgono al 2013, Heather Adkins, direttore del settore Information Security and Privacy di Google, ha dichiarato:

“Dopo aver esaminato i documenti in questione, siamo certi che gli aggiornamenti di sicurezza e protezione sia per Chrome sia per Android già proteggano gli utenti da molte di queste presunte vulnerabilità. La nostra analisi è in corso e implementeremo qualsiasi ulteriore protezione necessaria. Abbiamo sempre fatto della sicurezza una priorità assoluta e continuiamo quotidianamente a investire per la nostra difesa.”

Si tratta, quindi, di un capitolo che sembrerebbe essere chiuso e che, quindi, non ci sono problemi di sicurezza in questo momento. Staremo a vedere se ci saranno ulteriori risvolti in questa storia che coinvolge finanche la CIA.