Android Wear 2.0: ecco tutto quello che c’è da sapere!

Android Wear 2.0 è stato annunciato! Con il mercato degli indossabili che ha bisogno di un po' di rinvigorimento, questo aggiornamento 2.0 si propone di fornire alcuni miglioramenti dolorosamente necessari, oltre a nuove funzionalità, per spronare un'altra ondata di sviluppo nel settore SmartWatch. Ecco tutto quello che c'è da sapere su Android Wear 2.0.

0
109

Principali nuove funzionalità:

1-Applicazioni stand-alone

Il cambiamento più grande che arriva con Android Wear 2.0 è l’introduzione di applicazioni stand-alone; questo significa che non è necessario avere il telefono vicino per inviare i dati alle applicazioni dello SmartWatch. Le applicazioni, da ora, possono essere completamente funzionanti sul proprio proprio orologio così come le applicazioni per smartphone; l’unico momento in cui sarà necessario avere lo smartphone vicino sarà durante la sincronizzazione dei dati.

Anche il Play Store di Google si aggiorna. Gli utenti saranno in grado di scaricare applicazioni dedicate agli SmartWatches e installarle direttamente sull’orologio, senza dover installare la versione complementare dell’applicazione sul proprio smartphone.

Android Wear 2.0 introduce nuove funzionalità e migliora l’utilizzo degli smartwatches!

2-Quadranti più intelligenti 

L’altro grande cambiamento è l’introduzione delle Complication API. Questa nuova API consente agli sviluppatori di includere dati provenienti da altre applicazioni sui quadranti degli orologi. In questo modo, i quadranti possono essere personalizzati da chi indossa l’orologio e mostrare i dettagli che vogliono vedere. I quadranti diventano più simili a pagine iniziali contenenti dati widget utili, da una varietà di fonti diverse. È anche possibile passare da un quadrante all’altro, con differenti widget a seconda dell’occasione.

Android Wear 2.0: ecco tutto quello che cè da sapere! Android Wear 20 Watch Face TechNinja

3-Google Assistant

Per rendere gli smartwatches più intelligenti, Google Assistant è ora disponibile anche con Android 2.0 Wear. Gli utenti, ora, saranno in grado di fare molto di più con i comandi vocali, come ad esempio l’aggiunta di elementi alle loro liste della spesa, l’impostazione di promemoria nel calendario, effettuare prenotazioni di ristoranti e anche controllare i dispositivi intelligenti intorno alla loro casa e tutto direttamente dai loro polsi.

Inoltre, Google Assistant è in grado di rispondere a domande, rispondere ai messaggi e assistere nella navigazione. Naturalmente, è necessaria una connessione internet per molte di queste caratteristiche.

Per chiedere aiuto, è sufficiente tenere premuto il pulsante di alimentazione dell’orologio o dire “Ok Google” prima di effettuare la richiesta; al momento del lancio, le lingua supportate saranno, per il momento, inglese e tedesco.

Grazie all’aiuto di Google Assistant, gli smartwatches diventano ancora più intelligenti e consentono di effettuare diverse azioni direttamente dal polso.

4-Pagamenti mobili

Android Wear 2.0 consente ora di effettuare pagamenti mobili, a condizione che sia presente il chip NFC e a condizione che il bootloader del telefono associato non sia sbloccato.

Il processo per effettuare i pagamenti è abbastanza semplice; tutto quello che si deve fare è tenere l’orologio vicino al terminale fino all’approvazione della transazione. Dopo di che sarà possibile visualizzare i dettagli della transazione sullo SmartWatch, oltre a poter controllare gli acquisti precedenti, scorrendo verso il basso.

Cambiamenti importanti:
1-Material design

Tra i cambiamenti, va annoverato un nuovo launcher delle applicazioni e un layout curvo, più adatto a schermi arrotondati. Il cassetto di navigazione viene visualizzato nella parte superiore dello schermo e consente agli utenti di navigare tra le applicazioni; il cassetto azione appare, invece, nella parte inferiore dello schermo e consente agli utenti di scegliere da un elenco di azioni associate al contesto d’uso corrente.

2-Notifiche

Le notifiche hanno ricevuto una piccola revisione; le schede di notifica non coprono più gran parte del quadrante in modo disordinato, ma sono dotati di uno sfondo colorato contestuale a seconda dell’applicazione. All’arrivo di una notifica, apparirà una piccola icona in attesa di un’interazione; è possibile portare la notifica in primo piano oppure scorrere dal basso all’alto per spostarsi tra tutte le notifiche ricevute.

In generale, l’interfaccia utente è molto più scura rispetto a prima e questo dovrebbe contribuire a salvare la vita della batteria.

3-Fitness

Google si è preso un po’ di tempo per migliorare le funzionalità di Google Fit. La nuova API Activity di riconoscimento consente alle applicazioni di rilevare quando un utente si impegna qualche attività, come camminare o andare in bicicletta.

Inoltre, gli sviluppatori di applicazioni di terze parti ora hanno un migliore accesso ai dati fitness memorizzati sullo SmartWatch e questo significa che è possibile scambiare dati attraverso le applicazioni di Google Fit. Le diverse applicazioni specialistiche possono ora parlare tra loro, aiutando gli appassionati di fitness a tenere traccia dei loro progressi in diversi ecosistemi.

Android Wear 2.0: ecco tutto quello che cè da sapere! Android Wear 2 input methods 840x431 TechNinja

4-Messaggistica e input

Android Wear 2.0 supporta ora la scrittura a mano libera, l’input da tastiera e una funzione di risposta intelligente, alimentata da algoritmi di apprendimento automatico di Google.

I metodi di input potrebbero cambiare anche in futuro e questo significa che gli sviluppatori ora possono creare i propri metodi di inserimento personalizzato.

Android Wear 2.0: ecco tutto quello che cè da sapere! LG Watch Style Sport 840x287 TechNinja

I primi smartwatches con Android Wear 2.0 saranno LG Watch Sport e LG Watch Style; entrambi includono il supporto per i pagamenti mobili NFC e Google Assistant.

Anche un gran numero di smartwatches esistenti riceveranno l’aggiornamento ad Android Wear 2.0; l’elenco include il Moto 360 (2a generazione), Moto 360 Sport, LG Watch Urbane, la gamma Q Fossil, Huawei Watch e l’Asus ZenWatch 2 e 3, tra gli altri. Non è possibile sapere quando arriverà questo aggiornamento, ma sicuramente non si dovrà attendere molto.