Google Chrome 56 per macOs, più veloce del 28%

La nuova release del browser di Google migliora velocità e sicurezza, oltre ad implementare nuove ed interessanti funzioni

0
125

Warning: simplexml_load_string(): Entity: line 1: parser error : Space required after the Public Identifier in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider_API.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Warning: simplexml_load_string(): <!DOCTYPE HTML PUBLIC "-//IETF//DTD HTML 2.0//EN"> in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider_API.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Warning: simplexml_load_string(): ^ in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider_API.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Warning: simplexml_load_string(): Entity: line 1: parser error : SystemLiteral " or ' expected in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider_API.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Warning: simplexml_load_string(): <!DOCTYPE HTML PUBLIC "-//IETF//DTD HTML 2.0//EN"> in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider_API.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Warning: simplexml_load_string(): ^ in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider_API.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Warning: simplexml_load_string(): Entity: line 1: parser error : SYSTEM or PUBLIC, the URI is missing in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider_API.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Warning: simplexml_load_string(): <!DOCTYPE HTML PUBLIC "-//IETF//DTD HTML 2.0//EN"> in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider_API.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Warning: simplexml_load_string(): ^ in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider_API.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.techninja.eu/home/wp-content/plugins/wpmoneyclick/classes/providers/affiliate/WPMoneyClick_AmazonProvider.class.obf.php(2) : eval()'d code on line 2

Google Chrome 56 per macOs, più veloce del 28% chrome1 540x320 TechNinjaGoogle ha da poco rilasciato Chrome 56, versione aggiornata del browser più utilizzato al mondo, disponibile per sistemi Windows, Linux e macOs. Proprio la versione destinata ai personal computer prodotti da Apple ha dato risultati più che soddisfacenti: la velocità di navigazione infatti è aumentata di circa il 28% rispetto alla precedente revisione, cioè la 54. Tale risultato è stato raggiunto sia grazie al lavoro di Big G, sia grazie a quello svolto da numerosi sviluppatori di terze parti.

Perchè Google Chrome è ora più veloce?

L’incremento di velocità di cui gode ora Chrome su macOs (e in parte anche su altri OS, ndr) è dovuto ad un nuovo sistema di convalida: quando si effettua una ricerca in Chrome 56, l’indirizzo digitato viene inviato ai server che “rispondono” indicando se tale contenuto è già stato visualizzato, ed è quindi presente nella cache del browser, o se deve essere caricato ex novo. I tempi di convalida sono stati ridotti di circa il 60%, ottenendo così un’ottimizzazione capace di velocizzare i processi di caricamento delle pagine web fino al 28%.

Google Chrome 56 per macOs, più veloce del 28% macbook pro chrome 64 bits TechNinjaChrome 56 però non differisce dalle precedenti release solo per la velocità: è infatti la prima versione ad avere abilitato di default lo standard HTML 5, che sostituisce di fatto Adobe Flash Player, attivabile comunque dall’utente per godere di contenuti Flash su determinate pagine web. Insieme ad HTML 5, sono stati implementati nel browser anche i codec necessari alla riproduzione dei FLAC, file musicali con compressione di dati loseless, che garantiscono una eccellente qualità del suono e che potranno quindi essere riprodotti direttamente da Chrome.

Migliorata anche la sicurezza, grazie a 51 bug fixes, di cui 21 realizzate da sviluppatori esterni a Google. Aggiunto infine il supporto alle Web Bluetooth API: questo significa che tramite Chrome si potranno gestire lampade, giocattoli e altri piccoli dispositivi dotati di collegamento Bluetooth.