Anche Apple aderirà al gruppo di ricerca AI

Apple è diventata un membro del consorzio no-profit di ricerca AI fondato da cinque dei più grandi protagonisti del settore tecnologico: Amazon, IBM, Microsoft, Google e Facebook.

0
88

Anche Apple aderirà al gruppo di ricerca AI Screen Shot 5 800x367 TechNinja

Apple ha compiuto un passo significativo verso la ricerca dell’intelligenza artificiale, diventando un membro del consorzio no-profit di ricerca AI fondato da cinque dei più grandi protagonisti del settore tecnologico.

Lo scorso settembre, Amazon, Facebook, Google, Microsoft e IBM hanno annunciato pubblicamente il partenariato in materia di intelligenza artificiale; la loro organizzazione è stata istituita

per studiare e formulare le migliori pratiche, per far progredire la comprensione dell’intelligenza artificiale da parte del pubblico, per servire come piattaforma aperta alla discussione e per comprenderne le influenze sulle persone e sulla società.

Apple ha aderito al gruppo di ricerca sull’intelligenza artificiale; ecco i principali dettagli.

Anche Apple aderirà al gruppo di ricerca AI apple ai 500x281 TechNinja

Come uno dei più grandi ricercatori nel campo dell’intelligenza artificiale, il nome di Apple è stato assente, ma ora sembra che questo sia destinato a cambiare nei prossimi giorni. La società di Cupertino, infatti, ha aggiunto il suo nome alla lista dei pesi massimi aziendali di questa Partnership.
Questo consorzio si propone di condurre ricerche, organizzare dibattiti, condividere approfondimenti, fornire una leadership di pensiero, consultarsi con terze parti interessate, rispondere alle domande del pubblico e dei media e creare materiale educativo che possa migliorare la comprensione delle tecnologie di intelligenza artificiale.
L’adesione imminente di Apple è solo l’ultima indicazione che suggerisce quanto l’azienda sia disposta a rivelare ancora più conoscenze del proprio lavoro nel campo dell’intelligenza artificiale.

In una conferenza su invito tenutasi a Barcellona il mese scorso, i dipendenti di Apple hanno discusso il loro lavoro in vari campi correlati a quelli dell’intelligenza artificiale; in quell’occasione, la società ha annunciato di voler consentire la pubblicazione e la condivisione del lavoro, sui giornali, del lavoro dei propri ricercatori di AI e machine learning. Due settimane più tardi, il primo documento è stato pubblicato, corredato da immagini.

Cupertino è noto anche per essere al lavoro su di una serie di altri progetti di intelligenza artificiale, compresi quelli relativi alla salute, al LiDAR, alle reti neurali, all’assistente intelligente e modellazione della lingua e al riconoscimento di attività.

Nonostante i membri fondatori del partenariato siano impegnati a pubblicare una vasta gamma di ricerche sotto una licenza open, non è ancora chiaro quanto di questo lavoro verrà davvero condiviso.

Apple dovrebbe annunciare la sua adesione ufficiale al Partenariato alla fine di questa settimana.