Google, prova su strada per i minivan a guida autonoma

A Phoenix e Mountain View iniziano i test per le Chrysler Pacifica modificate da Waymo

0
96

Google, prova su strada per i minivan a guida autonoma waymo fca fully self driving chrysler pacifica hybrid 2 2 TechNinja

Potrete avvistare per strada i minivan di Google già a partire dalla fine di questo mese, certo, a patto che vi troviato a Mountain View, in California, o a Phoenix, in Arizona: in queste due località degli Stati Uniti infatti inizieranno a breve i test di guida su strada dei veicoli a guida autonomia sviluppati da Waymo, start-up nata da una costola di Google.

Confusa tra il traffico cittadino, una flotta di Chrysler Pacifica prive di guidatori percorrerà migliaia e migliaia di chilometri per testare l’effettiva compatibilità dei veicoli a guida autonoma con quelli tradizionali. A termine dell’esperimento, di cui non si sa ancora la durata, se i risultati saranno quelli sperati potrebbe già iniziare la commercializzazione su larga scala dei primi veicoli che, guarda caso, saranno proprio delle Chrysler Pacifica, prodotte dal gruppo Fiat Chrysler.

Google, prova su strada per i minivan a guida autonoma waymo e fca presentano la chrysler pacifica che si guida da sola TechNinjaMountain View e Phoenix erano state scelte come meta per i test anche negli anni passati, quando sulle loro strade erano circolati dei SUV marcati Lexus. Il progetto di Waymo è però totalmente differente da quanto intrapreso negli anni passati da altre compagnie: innanzitutto, l’azienda proprietà di Google ha annunciato di aver raggiunto l’autosufficienza nella produzione di tutto il necessario per la trasformazione di un auto tradizionale in una a guida autonoma.

Ciò significa che tutte le telecamere, i sensori ed i dispositivi utilizzati nella conversione sono prodotti da Waymo, e non comprati da produttori esterni. In questo modo, la società può contenere i costi, ottenendo una riduzione della spesa pari in alcuni casi al 90%: tale diminuzione dei costi si rifletterà anche sul costo finale delle auto, che di conseguenza potranno essere accessibili ad un maggior numero di utilizzatori. Inoltre, l’autoproduzione comporta una maggior possibilità di personalizzazione, rendendo i sistemi più efficienti e meno ingombranti.

Parallelamente a tale progetto, Waymo ha annunciato di avere in mente un futuro servizio di car sharing che potrebbe entrare in piena attività già a partire dai prossimi anni. In ogni caso, il CEO di Waymo John Krafcik ha ribadito più volte che non è nei piani della società diventare una casa automobilistica, ma un’azienda leader nella progettazione e diffusione dei sistemi di guida autonoma.