Connessioni da 12 Gb al secondo: nel 2020 saranno possibili grazie alla rete 5G

I primi test danno risultati soddisfacenti: passerà però ancora qualche anno prima che tale tecnologia venga utilizzata in larga scala

Connessioni da 12 Gb al secondo: nel 2020 saranno possibili grazie alla rete 5G velocita connessione 646x280 TechNinja

In pochi anni la massa di dispositivi connessi ad internet, più o meno costantemente, si è ingrandita a dismisura. Fino a meno di un decennio poter accedere al Web era una prerogativa dei soli pc, e di qualche raro e costoso computer palmare: oggi si contano al mondo svariati miliardi di dispositivi portatili, smartphone e tablet in primis, che necessitano di una connessione internet veloce.

Parallelamente allo sviluppo di telefoni capaci di riprodurre in streaming ogni sorta di contenuto, dai film ai videogiochi, si è avvertita la necessità di migliorare le reti mobili esistenti, garantendo una velocità sempre maggiore. In pochi anni, si è passato dai 42.2 Mbps (molto teorici) delle prime reti 3G, al Gigabit al secondo delle ultime versioni dei network 4G.

Eppure, questo sembra non bastare: in effetti, oltre ad un’alta velocità di trasferimento dati, le reti mobili attuali devono fornire grande stabilità e versatilità, poichè non di rado si trovano a gestire contemporaneamente decine di migliaia di dispositivi connessi.

Connessioni da 12 Gb al secondo: nel 2020 saranno possibili grazie alla rete 5G group of people smartphones 1940x900 35714 TechNinja

Proprio in questa direzione si stanno muovendo le ricerche delle principali compagnie telefoniche, che alle future reti 5G chiedono, oltre ad un’incredibile velocità (si parla di 10 Gb al secondo) per riprodurre contenuti sempre più pesanti (basti pensare ai futuri streaming 4K o ai dati necessari per le simulazioni dei visori a realtà aumentata), anche la capacità di poter fornire una connessione appropriata ai vari tipi di devices.

Infatti, oltre alle connessioni più esose, in futuro aumenterà il numero di quei devices che si connettono ad internet solo per ricevere ed inviare pochi dati, ma indispensabili: elettrodomestici, impianti di domotica, addirittura automobili che tramite server dedicati potranno interagire tra loro.

Lo sviluppo delle reti 5G richiederà grossi investimenti di tempo e denaro, poichè ad esempio anche i costruttori dovranno adattarsi a creare nuove componenti compatibili con questo tipo di rete: un probabile debutto potrebbe avvenire già ai prossimi Giochi Olimpici Invernali del 2018 in Sud Corea, ma con buona probabilità tale tecnologia sarà disponibile al grande pubblico solo nel prossimo decennio, a partire dal 2020.