iPhone: l’ennesimo rapporto sostiene che le vendite potrebbero non essere così forti come gli anni precedenti

Il 2017 sarà l'anno del decimo anniversario di iPhone e tutti si aspettando grandi cose da parte di Apple. Dal momento che viene posta così tanta enfasi sulla prossima generazione di iPhone, acquisisce molto più senso il motivo per il quale la società sembra non aver azzardato con i nuovi modelli di iPhone 7 e iPhone 7 Plus.

0
157

L’introduzione di una vera e propria resistenza all’acqua, uno schermo più luminoso e un design raffinato sono certamente caratteristiche ben accolte e la nuova linea di iPhone è senza dubbio la migliore, ma…anche la più noiosa!

Da quando iPhone 7 è arrivato sul mercato, si sono susseguiti diversi rapporti relativi alle vendite e quasi tutti sono d’accordo nell’affermare che l’accoglienza del pubblico è stata un po’ tiepida o, comunque, non come la società si aspettava.

E’ stato anche riferito che 19 diverse aziende, in Cina, hanno subito perdite e i loro profitti totali sono diminuiti di circa lo 0,4% rispetto allo scorso anno; tra queste vi sono società del calibro di Foxconn e Largan Precision. Anche se questa è solo un’indiscrezione, sono comunque dati molto interessanti.

iPhone: lennesimo rapporto sostiene che le vendite potrebbero non essere così forti come gli anni precedenti iPhone 7 TechNinja

Le minori vendite dei nuovi modelli potrebbero, quindi, essere il risultato dell’attesa per iPhone 8; le indiscrezioni parlano di un nuovo rivoluzionario metodo di ricarica wireless della batteria e di pannelli OLED. In aggiunta a questo, poi, il design di iPhone 7 è il medesimo da tre anni e gli utenti, probabilmente, hanno voglia di novità.

Kuo Ming-Chi, uno dei migliori analisti del settore, ha riferito che le vendite di iPhone potrebbero essere inferiori anche a causa dell’assenza di un aggiornamento per iPhone SE e, in generale, per un calo della domanda in Cina.

Ovviamente, la debolezza delle vendite non significa che Apple stia scomparendo dal mercato degli smartphone, ma sarà interessante vedere come l’azienda risponderà a queste affermazioni.