Microsoft entra a far parte della Linux Foundation

Scott Guthrie, Vice Presidente Esecutivo di Microsoft Cloud and Enterprise, ha annunciato che Microsoft si unirà alla Linux Foundation. La società collaborerà con la community di sviluppatori open source per offrire loro nuove possibilità nell’utilizzo di strumenti per lo sviluppo di software.

0
163

Ben 15 anni fa, l’ex CEO di Microsoft aveva etichettato Linux “un cancro”, ma le cose non potrebbero essere diverse questa settimana. Microsoft, il gigante del software che ha costruito il suo impero su un software proprietario closed-source, si unisce alla Linux Foundation. Dieci anni fa tutto questo sarebbe sembrato inimmaginabile, ma Microsoft è in costante evoluzione e, di recente, sta abbracciando l’open source.

Microsoft sta contribuendo a Linux da diversi anni e Jim Zemlin, direttore esecutivo della Linux Foundation, ha accolto l’adesione dell’azienda alla fondazione.

Microsoft è il migliore in grado di collaborare con la comunità open source per fornire una trasformazione delle esperienze mobile e cloud a più persone.

Microsoft entra a far parte della Linux Foundation microsoft acquista linkedin TechNinja

Microsoft ha veramente abbracciato il cambiamento culturale di Satya Nadella presso l’azienda; inoltre, ha collaborato con Canonical per portare Ubuntu su Windows 10, oltre ad aver acquisito Xamarin per aiutare lo sviluppo di applicazioni mobili.

Anche Google ha una notizia sorprendente; la società, infatti, si unisce alla Fondazione NET che si occupa della supervisione dei linguaggi di programmazione .NET Platform che fanno parte del principale concorrente di Microsoft.

Microsoft entra a far parte della Linux Foundation Google Dot Net Foundation TechNinja

Anche se Google non ha dimostrato molto interesse nel supportare .NET o la fornitura di applicazioni per la nuova piattaforma UWP di Microsoft, sta progettando di sostenere .NET nella propria piattaforma Google Cloud.

Infine, Microsoft ha presentato Visual Studio per Mac che consentirà agli sviluppatori in possesso di un dispositivo con MacOS di poter accedere a tutti i tool di sviluppo software ideati da Microsoft; in questo modo, gli sviluppatori che operano su Mac potranno condividere, senza problemi, i propri progetti con gli sviluppatori Windows.