Recensione Joypad Bluetooth Satechi

Un device per iOS, per Android, per Windows e MacOS. La proposta di oggi ci consente di avere un controller preciso con qualsiasi macchina da gioco...

0
158
joypad

Perché dovrebbe interessarci un Joypad? Beh ecco la mia esperienza…

Viaggiate o siete, per irriferibili motivazioni, costretti a muovervi spesso in treno o aereo? Bene, anch’io e talora, soprattutto quando Ryanair decide di ritardare la partenza di uno dei miei voli, mi trovo nell’impellenza di occupare il tempo in attesa di capire come, quando e soprattutto se partirò. Avendone, purtroppo, viste parecchie in termini di interminabili “prospettive di rapida partenza…” ho scelto di attrezzare il mio iPad con qualche app di gaming che, indubbiamente, contribuisce a riempire quelle che sarebbero certamente ore di pneumatico vuoto.

Recensione Joypad Bluetooth Satechi gamepad bird 1 TechNinja

In particolar modo ho sviluppato una passione per un app di guida arcade che consente, tra le altre cose, di mettersi in competizione con gli amici del gamecenter, anche in mobilità. Per dare il meglio in gara (odio perdere, anche ai videogames, soprattutto contro il mio amico Filippo) ho provato un Satechi Bluetooth che integra una batteria al litio, così da averlo sempre pronto in borsa, leggero e pratico.

Il Joypad – Cosa ci piace

Recensione Joypad Bluetooth Satechi gamepad iphone TechNinja

Posto che, essendo dotato di connettività bluetooth, detto dispositivo è compatibile con praticamente qualsiasi macchina. Il controller in totale ha ben 14 tasti, 2 joystick e 1 set di tasti direzione. Satechi offre pieno supporto a tutti i dispositivi dotati di Windows, Android e iOs, per passare da una modalità all’altra basta semplicemente premere il tasto “Mode”, posto al centro del device. Sulla parte frontale sono presenti 4 led che indicano la modalità che abbiamo attivato.

I controlli rispondono tutti molto bene, anche quando l’azione diventa frenetica ed un secondo fa la differenza tra la vita e la morte (ok, mi riferisco ad un gioco, ma ho sempre sognato di scrivere una cosa del genere… perdonatemi).

Il costo non è eccessivo e la batteria ha dimostrato autonomia a sufficienza per consentirmi di battere i record di Filippo (ehi Filippo, ti ricordi il tuo record ad Asphalt 8 in Guaiana Francese? Beh, mi spiace…).

Qualora giochiate con uno smartphone, sappiate che il morsetto dove posizionarlo è solido. Non ho avuto problemi ad inserirci il mio iPhone 6s plus che grazie ai supportini in gomma è stato trattenuto correttamente in posizione senza rischiare spiacevoli graffi.

Il Joypad – Cosa non ci piace

Manca del tutto una app (sia Android che iOS) per la gestione e la configurazione dello stesso. Pertanto non avremo la possibilità di personalizzare i tasti come vorremmo. Una piccolezza alla quale, però, suggeriamo di porre rimedio. Sarebbe un plus importante.

Il Joypad – lo consigli?

Si, agli appassionati di gaming ed a chi viaggia spesso e si trova a dover ingannare il tempo con qualche app di tipo ludico. Per il casual gamer? Forse può bastare lo schermo touch.

Interessati? Date un occhio al link qui in basso.