Google: Android Wear 2.0 arriverà agli inizi del 2017

Android Wear 2.0 arriverà in ritardo rispetto alle aspettative, ma per una buona ragione.

0
108
Android Wear

Google sta ritardando il rilascio pubblico di Android Wear 2.0, l’enorme aggiornamento alla piattaforma degli indossabili. Annunciato a fianco della terza anteprima per gli sviluppatori, Google ha detto che dopo una grande risposta da parte della comunità degli sviluppatori, ha deciso di rilasciare l’aggiornamento Android Wear 2.0 agli inizi del 2017. Un’altra anteprima per gli sviluppatori verrà rilasciata nei mesi successivi, prima che la piattaforma sia sottoposto a OEM.

Google: Android Wear 2.0 arriverà agli inizi del 2017 nexus2cee image00 TechNinjaAnche se il ritardo sarà deludente per molti fan di Wear, la ragione di tutto questo è chiaro: lo scopo di Android Wear 2.0 è la crescita e Google sta aggiungendo numerose funzioni Play Store per la piattaforma SmartWatch.

Con Play Store per Android Wear, gli utenti possono sfogliare le app consigliate e cercare quelle che utilizzano voce, tastiera, scrittura a mano. […] Gli utenti potranno gestire le applicazioni più facilmente. Inoltre, ci sarà forse la caratteristica più cool: gli utenti ora possono scegliere di avere un’app sul proprio orologio, ma non per forza sul telefono cellulare. Con Android Wear 2.0 le applicazioni del telefono non sono più necessarie. Ora è possibile creare e pubblicare applicazioni solo per gli orologi.

Google dice di aver chiesto agli sviluppatori cosa volessero da Wear e molti di loro hanno esternato la difficoltà di scoprire applicazioni apposite; da qui la decisione di aggiungere un app store dedicato.

La nuova anteprima per gli sviluppatori aggiunge anche una serie di caratteristiche interessanti e utili ad Android 2.0 Wear:     

  • Miglioramenti vari, tra i quali autorizzazioni esplicite per coloro che richiedono l’accesso alle informazioni personali.     
  • Azioni in linea per le notifiche.
  • Risposte intelligenti che vengono generate sull’orologio stesso, in modo tale che nessun dato personale possa essere condiviso con Google.