World of Warcraft. Blizzard ci mette la pezza

Dopo i bilanciamenti alla classi di gioco e conseguenti malumori, Blizzard corre ai ripari con una nuova hotfix che ridà lustro a Demon Hunter e Priest.

0
75

Settimana scorsa, con l’ultimo hotfix datato 23 settembre, Blizzard ha cercato di bilanciare un po’ tutte le classi di World of Warcraft, come sempre accade.

World of Warcraft. Blizzard ci mette la pezza world of warcraft legion TechNinja

Peccato che si sia sollevato uno tsunami di polemiche da parte dei giocatori Shadow Priest e Havoc Demon Hunter: le classi appena descritte hanno subito un consistente nerf (depotenziamento per i non drogati di World of Warcraft) costringendo i giocatori a cambiare specializzazione e a dover far salire di livello il nuovo artefatto.

Ricordiamo che l’artefatto è l’arma che si abbina alla specializzazione del personaggio creato in World of Warcraft e ogni giocatore ne può avere molteplici. Ciò, permettendo una varietà di gioco notevole, costringe a dover farmare in maniera massiva risorse, per far salire di livello l’artefatto per ogni singola specializzazione.

Tornando a Blizzard, dopo aver subito l’onda di disapprovazione da parte dei giocatori, sta rilasciando una nuova hotfix di cui vi riportiamo l’estratto relativo alle classi incriminate:

Demon Hunter

  • Havoc
    • Bloodlet (Talent) now deals 150% of initial Throw Glaive damage.

Priest

  • Shadow
    • Mind Sear damage increased by 80% and Insanity generation increased by 50%.
    • Mind Flay damage increased by 20%.
    • Mind Spike damage increased by 28%.
    • Void Ray maximum stacks reduced to 4.
      • Developers’ Notes: Given the damage increase to Mind Sear, Mind Flay, and Mind Spike, this still results in an overall increase to the value of the talent.
    • Voidform stacks no longer increase while Dispersion is active.
      • Developers’ Notes: We would prefer that Surrender to Madness not be as dominant as it is, and that it can’t be extended for quite so long.  However, addressing this further would require significant changes to the spec beyond what we want to do in a tuning pass at this time. We will look for an opportunity to take a more comprehensive look at this issue in a future patch.

 

Per chi volesse approfondire è disponibile sul sito americano, l’intero changelog apportato.

Ricordiamo infine che settimana scorsa ha aperto i battenti il primo Raid, The Emerald Nightmare che sarà reso disponibile anche tramite il LFR (Looking for Raid) da questa settimana per i giocatori che non riescono a giocare in maniera organizzata con la propria Gilda.