Google Now aggiunge maggiore personalizzazione con la nuova funzione “Esplora Interessi”

Google Now si aggiorna e consentirà all'utente di selezionare tra alcune schede di proprio interesse, in modo da poter ricevere solo i feed di proprio gradimento.

Google Now è l’assistente silenzioso di Android che fornisce aggiornamenti tramite un set di schede. Chi lo ha attivato sul proprio telefono cellulare ha, probabilmente, familiarità con gli aggiornamenti tempestivi sul traffico o il meteo che l’assistente mostra regolarmente; una scheda mostra dove si ha parcheggiato e altre mostrano notizie da Internet, tutte azioni basate sui comportamenti dell’utente.

Google Now aggiunge maggiore personalizzazione con la nuova funzione Esplora Interessi Google Nows Explore Interests card 2 TechNinja

Google Now aggiunge maggiore personalizzazione con la nuova funzione “Esplora Interessi”

Finora, l’unico modo per controllare questi suggerimenti è stato attraverso la loro eliminazione; se Google non ha indovinato i nostri interessi, ora possiamo selezionare l’opzione “Non interessato a X“. In questo modo, non otterremo ancora aggiornamenti simili. Tuttavia, sembra che la funzione stia per diventare molto più personalizzabile.

Gli utenti hanno segnalato che il feed di Google Now ha una nuova scheda, Esplora interesse. Toccandola si apre un menu che consente di aggiungere manualmente i vari interessi come sport, film, personaggi famosi o altro.

Google Now aggiunge maggiore personalizzazione con la nuova funzione Esplora Interessi Google Nows Explore Interests card 3 TechNinja

Nonostante ci fosse bisogno di questa funzionalità aggiuntiva e fresca, sembra che, spulciando tra le schermate, non vi sia alcuna barra di ricerca. All’utente viene data una scelta di argomenti o persone che sono attualmente popolari nella loro zona oppure di tendenza in tutto il mondo, ma non è consentito personalizzare ulteriormente i propri feed. 

Così, sembra che Google intenda ancora utilizzare i propri algoritmi per determinare gli interessi di nicchia degli utenti analizzandone le ricerche, le visite ai siti web, i download di applicazioni e, probabilmente, anche le conversazioni di Google Assistant. 

Naturalmente, dovremo vedere il funzionamento vero e proprio quando l’aggiornamento sarà installato sui nostri telefoni.