iOS 10 vs Android Nougat

Dopo mesi di hype, finalmente Google ha deciso di svelare il nome ufficiale della nuova versione di Android: abbiamo, quindi, scoperto che la sta per Nougat.

Ma a questo punto, è lecito domandarsi quale sia la differenza tra questa versione del sistema operativo made in Google e la prossima versione del sistema operativo made in Apple, ossia iOS 10. Abbiamo cercato di mettere a confronto i due sistemi e di cercare di captare tutte quelle che sono le differenze più rilevanti. Naturalmente, dato che i sia Android Nougat che iOS 10 arriveranno in autunno, abbiamo messo a confronto le versioni beta dei due sistemi. Ecco quello che siamo riusciti a capire.

Qualche osservazione

La prima cosa che si nota, se si mettono a confronto queste nuove versioni dei sistemi operativi più utilizzati in assoluto, è che va a migliorare l’usabilità. L’esperienza di navigazione, quindi, diventa più fluida e semplice da gestire, grazie soprattutto all’aumento delle cosiddette scorciatoie, che permettono di non perdersi in troppi passaggi poco utili.

A primo acchito, possiamo dire che il sistema che sembra avere maggiori novità al suo interno è iOS 10, che si modifica molto anche dal punto di vista grafico. Del resto, le parole di Tim Cook, CEO Apple, che ha definito questa come la “madre di tutte le release“, la dicono lunga su quello che ci aspetta.

Entriamo, quindi, nello specifico e mettiamo a confronto la Developer Beta iOS 10, di cui è stata appena rilasciata la seconda versione e la Developer Beta Android Nougat. Si nota immediatamente un dato incontrovertibile: negli anni, i due sistemi operativi, seppure acerrimi nemici, si sono influenzati vicendevolmente e, pertanto, ci sono diversi aspetti comuni. Tuttavia, nell’immaginario collettivo, Android rimane sempre un sistema operativo più consono ai cosiddetti smanettoni, mentre iOS è da sempre noto per il suo essere estremamente intuitivo.

iOS 10 vs Android Nougat: scopri tutte le differenze! androidvsios TechNinja

 Menu rapidi vs 3D Touch

Per tracciare le differenze, vogliamo partire proprio da qui. Come abbiamo già notato in precedenza, entrambi i sistemi operativi hanno dei visibili miglioramenti a livello della navigazione delle opzioni.

  • Android Nougat: troviamo un nuovissimo menu rapido nella barra delle notifiche. Quali sono le innovazioni da questo punto di vista? Basta un touch per accedere a impostazioni di wifi, della rete mobile e della modalità “non disturbare”. Per essere rimandati nei settaggi espansi, invece, basterà un click lungo sull’icona desiderata!
  • iOS 10: in questo caso si è voluto andare a migliorare il 3D Touch. Prima di entrare nel merito del discorso, si deve dire che quest’ultima è una funzionalità che necessita di uno specifico presente, al momento, solo su iPhone 6S. A cosa serve? Per attivare un altro livello di opzioni nel momento in cui si clicca a lungo su una determinata icona. Questo è un aspetto, molto apprezzato e utile, che manca sui device Android anche se, dobbiamo dirlo, alcuni produttori come Huawei si stanno impegnando per integrare questa tecnologia sui loro device. Dal punto di vista delle nuove scorciatoie, che possono essere attivate mediante pressione lunga sullo schermo, c’è quella che rimanda ad Apple Music: con un solo click si apre un piccolo widget che mostra l’ultimo brano ascoltato. Inoltre, sarà possibile cancellare tutte le notifiche in un solo colpo, ma anche, ad esempio, dare priorità di download a un’app. Ma non finisce qui: dal Control Center, attraverso una pressione più forte, si potrà regolare l’intensità della torcia, impostare la scadenza di un timer ecc. Grazie al 3D Touch, inoltre, si potrà anche rispondere a messaggi o mail senza passare dalla schermata home e senza sbloccare il telefono.

Split Screen vs Anteprima Rapida

Cosa accadrà da questo punto di vista? Molto probabilmente, questo è l’aspetto che maggiormente fa differire i due sistemi.

  • Android Nougat: si potrà dividere in due lo schermo, semplicemente toccando a lungo il comando con l’icona quadrata. Si tratta di una funzione molto utile alla luce del fatto che, ormai, tutti i device Android hanno uno schermo più grande di 5 pollici e, pertanto, Google ha deciso che è il momento di integrare questa funzione nel sistema operativo. Dobbiamo notare che il tutto funziona al meglio già in fase di beta e, pertanto, siamo sicuri che sarà un accorgimento molto apprezzato. Si avranno a disposizione due aree ben distinte che potranno essere utilizzate indipendentemente una dall’altra.
  • iOS 10: in questo caso, invece, la divisione del display vale solo per gli iPad. Tuttavia, sottolineiamo che è possibile duplicare le schermata sfruttando il 3D touch. Si tratta di una nuova possibilità introdotta con iOS 9 che, naturalmente, dovrebbe rimanere invariata.

Widget

  • Android Nougat: non si registrano rilevanti modifiche e innovazioni da questo punto di vista.
  • iOS 10: da questo punto di vista i miglioramenti ci sono: si potrà accedere alla sezione widget senza sbloccare il telefono. Inoltre, gli sviluppatori hanno la possibilità di andare a creare delle connessioni tra app e questa schermata. Tuttavia, si sente la mancanza di libertà di personalizzazione dei widget stessi, che ancora non è stata introdotta e non lo sarà neppure a breve.

Risposte rapide

  • Android Nougat: verranno introdotte le quick reply che, però, al contrario di quanto vedremo accadere in iOS 10, permetteranno di leggere solo l’ultimo messaggio di una conversazione. Introdotto, inoltre, il raggruppamento delle notifiche: si tratta di un qualcosa di molto utile per avere sotto controllo il tutto.
  • iOS 10: sempre grazie al 3D Touch è possibile fare veramente molto. Iniziamo con il dire che se si preme a lungo su una notifica si potrà andare a rispondere a una mail o un messaggio, il tutto senza dover né entrare nell’app né sbloccare il telefono. Si potranno anche andare a visualizzare gli ultimi messaggi di una chat e molto altro ancora.

Google Now vs Siri

Quali sono le novità che riguardano i due assistenti vocali? Dobbiamo sottolineare che sia Apple che Google hanno fornito ai programmatori tutti quelli che sono gli strumenti per creare nuove funzionalità attraverso questo particolare tipo di intelligenza artificiale. Pertanto, sia iOS 10 che Android Nougat andranno a integrare servizi sempre più utili nella vita di tutti i giorni. Inoltre, i due assistenti non si attivano solo con il microfono, ma in molti altri modi: del resto, sono programmati per facilitarci la vita.

iOS 10 vs Android Nougat: scopri tutte le differenze! google now vs siri TechNinja

Tuttavia, Google Now al momento è un po’ meno evoluto di Siri, anche se, a dire il vero, la fiunzione Now on Tap è molto interessante: attivandola, l’assistente va a scansionare il display e ci suggerisce link, video, collegamenti alle app coerenti.

Funzioni per la salute

Queste funzioni nascono per la prima volta su device Apple e, per la precisione, sono state introdotte con iOS 8. Pertanto, le innovazioni più importanti ci saranno soprattutto in casa Apple.

  • iOS 10: la prima cosa da dire, è che non si vuole creare un vero e proprio software per il fitness, ma un supporto per uscire dalla sedentarietà. Verrà introdotta la sezione Mindfulness, riguardante la meditazione, e verranno integrati diversi esercizi per il rilassamento. Inoltre, tutte le funzioni sono state studiate per integrarsi alla perfezione con Watch OS 3. 
  • Android Nougat: in questo caso si trova Google Fit, che, però, non è parte integrante del sistema operativo ma è un’app disponibile nel Play Store. Anche in questo caso ci saranno dei miglioramenti, ma certamente non troppo rilevanti.

iMessage vs Google Allo

  • iOS 10: iMessage diventerà una piattaforma che utilizzerà degli effetti speciali, tipo quelli di Snapchat. Inoltre, con iOS 10 sarà possibile inviare testi a sorpresa con l’inchiostro magico, ma anche generare sfondi animati, scrivere a mano libera e toccare lo schermo con due dita per mandare un bacio virtuale e molto altro ancora. Da sottolineare anche il fanno che tutte le conversazioni saranno cifrate in modo sicuro.
  • Android Nougat: oltre a Messaggi e Hangout, verranno lanciati altri due servizi: Duo per le videochiamate e Allo, che verranno integrate con l’intelligenza artificiale.

Gestione batteria

  • Android Nougat: in questo caso vince sempre questo sistema operativo. I device Android hanno una gestione della batteria molto più efficace di quella dei dispositivi Apple e. Inutile provare a fare un paragone: a parità di capacità delle batterie, la durata è quasi triplicata. Con Nougat si avrà l’introduzione di nuove librerie Vulcan 3D, che gestiranno gli effetti grafici e andranno ad alleggerire il processore. Questo comporterà uno spreco molto minore di batteria. Altra novità sarà il nuovo compilatore Jti, per velocizzare l’installazione delle app.

iOS 10 vs Android Nougat: scopri tutte le differenze! gestione batteria TechNinja

  • iOS 10: molto probabilmente anche Apple ha deciso di cercare una soluzione migliore per la gestione della batteria dei suoi device, da sempre il tallone d’Achille della casa produttrice di Cupertino. Pertanto, è possibile che ci siano delle ottimizzazioni nell’autonomia anche se non si hanno ancora conferme in merito. Va detto che, rispetto ai primi modelli di iPhone, nel corso degli anni sono stati fatti dei passi avanti e ora, per lo meno, la carica della batteria arriva quasi a fine giornata, ma nel caso di utilizzo più intenso del telefono il risultato non viene garantito. Servirebbe, molto probabilmente, un’accortezza introdotta in Android da molto tempo, ossia la funzione risparmio energetico che, però, ancora non si è vista.

Eliminare le app superflue

Capita molto spesso di trovarsi nella condizione di voler eliminare delle app preinstallate, ritenute per lo più superflue. Questa azione porterebbe a liberare un bel po’ di spazio, rendendo il device più fluido. Cosa accadrà nell’immediato futuro?

  • iOS 10: molto probabilmente sarà possibile eliminare alcune delle app preinstallate, andando così a liberare spazio d’archiviazione. Se avete paura di cancellare qualcosa di molto utile inavvertitamente, non preoccupatevi, perché nel momento stesso in cui si decide di eliminare qualcosa, il sistema operativa comunica quelle che sono le funzioni che si stanno perdendo.
  • Android Nougat: nessuna novità prevista. Se si desidera cancellare una applicazione che non ci piace, la si può solo disattivare, ma non disinstallare!

Metodi per sbloccare il device

Potremo, finalmente, dire definitivamente addio al tasto scorri per sbloccare? La risposta in questo caso parrebbe essere positiva. Vediamo nel dettaglio cosa dovrebbe accadere.

  • Android Nougat: dobbiamo sottolineare che qualcosa di molto simile era già disponibile nella versione Lollipop, del 2014. Pertanto, nel momento stesso in cui i sensori deputati rilevano un movimento, il telefono si accende, visualizzando ora e notifiche. In questo modo, però, lo schermo non viene attivato del tutto in modo da permettere in ogni caso un risparmio di batteria.
  • iOS 10: si dirà definitivamente addio all’azione scorri per sbloccare? Con il 3D Touch sì! Per vedere le notifiche sul proprio iPhone basterà sollevarlo e per rispondere basterà farlo attraverso il 3D Touch. Se si trascinerà il dito verso destra, si visualizzeranno i widget, se lo si trascinerà verso sinistra si attiverà la fotocamera e premendo il tasto centrale si entrerà nella Home.

Quando arrivano iOS 10 e Android Nougat?

Alla domanda dobbiamo rispondere con un generico in autunno, perché non abbiamo ancora la certezza assoluta sulle possibili date di presentazione delle due nuove versioni dei sistemi operativi. Anche in questo caso, però, dobbiamo fornire delle indicazioni perché in molti ci chiedono chi potrà aggiornare il sistema?

Chiunque abbia un device Apple con almeno un 1 GB di RAM potrà aggiornare a iOS 10. Per essere chiari: potranno aggiornare il sistema tutti gli iPhone dal 5 in poi e tutti gli iPad dalla quarta generazione in poi, gli iPad mini dalla seconda generazione e gli iPod dalla sesta.

iOS 10 vs Android Nougat: scopri tutte le differenze! devices 1024x630 TechNinja

Per quel che concerne Android Nougat, invece, possiamo dire con certezza che dovrebbero rimanere fuori dall’aggiornamento dei dispositivi importanti come il Nexus 5 e il Nexus 7. Per il resto, ne sappiamo veramente poco al momento: l’unica cosa certa è che BigG è ancora alle prese con il rilascio graduale dell’aggiornamento ad Android 6.0 Marshmallow, che, in questo momento, ha raggiunto solo poco più del 7% dei dispositivi. Speriamo vivamente che qualcosa cambi nel breve periodo.