LG annuncia la riorganizzazione della sua divisione mobile

LG riorganizza la sua divisione mobile dopo la fallimentare vendita del suo LG G5.

1
88
offerte smartphone

LG ha annunciato (tramite KoreaTimes) di aver riposizionato alcuni dirigenti e di aver formato un ufficio di gestione all’interno della sua divisione mobile, nella speranza che questa ristrutturazione porti quel nuovo slancio tanto ricercato per la sua lotta all’interno del mobile business.

Il capo Mobiles Cho Juno supervisionerà il PMO che ha l’autorità di gestire le strategie per lo sviluppo del prodotto, della produzione, del marketing e delle vendite; mentre Oh Hyung-hoon, un ex capo del laboratorio di ricerca, ne sarà il capo, sostenuto dal vicepresidente della divisione mobile, Ha Jeong – wook.

Kim Hyung-jeong, vice presidente senior di LG, è stato nominato capo del laboratorio di ricerca mobile dell’azienda.

La ragione principale di questa riorganizzazione si può ricercare nel lancio di LG G5, tentativo deludente della società coreana di portare innovazione nello spazio smartphone. E’ un buon telefono, ma non abbastanza per competere con colossi di smartphone, come Samsung ed Apple.

LG, in una dichiarazione rilasciata a Korea Times, ha detto in modo straordinariamente onesto che:

L’annuncio di Venerdì è stato dato perché l’ultimo modello di punta LG Electronics G5 ha fallito nel generare vendite.

LG G5 è stato, infatti, lanciato con una serie di (costosi) “amici” che aggiungono funzionalità al dispositivo, tra i quali un modulo speaker HiFi e una presa per la fotocamera. L’azienda aveva sperato di avere con sè alcuni sviluppatori di terze parti per produrre ulteriori moduli, ma questa è stata, e lo è tuttora, una vendita difficile, assieme al fatto che il telefono non ha funzionato così come la società sperava.

LG annuncia la riorganizzazione della sua divisione mobile LG G5 caratteristiche moduli e possibile prezzo SPECIALE 3 2 TechNinjaLG annuncia la riorganizzazione della sua divisione mobile

LG, una volta, era uno dei più grandi OEM di Android, ma negli ultimi anni l’azienda è rimasta indietro rispetto a OEM cinesi come Huawei, Xiaomi, Oppo oppure OnePlus. In termini di quota di mercato globale nel campo smartphone, LG si trova (a partire dal 1° trimestre 2016), tra un folto gruppo di OEM con il 4% o meno del mercato attuale.