100 milioni di utenti attivi al mese per Spotify

Spotify raggiunge numeri da capogiro come numero di utenti attivi al mese.

0
75
spotify

Spotify ha raggiunto la soglia di 100 milioni di utenti attivi al mese per la musica in streaming. La notizia nasce dal fatto che è la prima volta che un sito di questo tipo raggiunge questa vetta.

Utenti attivi

100 milioni di utenti attivi al mese per Spotify spotify 3 TechNinja

La società è stata la prima ad annunciare la notizia direttamente sul quotidiano del Telegraph. La notizia dei 100 milioni di utenti attivi al mese non è una sorpresa per chi conosce i risultati di Spotify nel tempo.

Il servizio aveva raggiunto 3 mesi fa i 30 milioni di utenti che pagavano regolarmente l’abbonamento e la disputa con Apple aveva fruttato qualcosa come un miliardo di dollari di contributo pubblico. Insomma, un periodo d’oro per la piattaforma di musica in streaming su diversi dispositivi, che ora punta ancora più in alto.

Secondo la banca internazionale per gli investimenti GP Bullhound, attualmente Spotify varrebbe qualcosa come 8,5 miliardi di dollari. Un bel valore, se si pensa che Spotify ha superato quella che era la sua distanza da Apple Music. Se, in passato, 5 milioni di abbonati facevano la differenza, ora il servizio ha il doppio degli abbonati di Apple Music e può contare su un numero di investitori sempre maggiore.

Spotify

100 milioni di utenti attivi al mese per Spotify spotify 2 TechNinja

Spotify nasce nel 2008 in Svezia, da parte di un giovane che non voleva scaricare musica pirata e non sapeva come ascoltare la musica online. Il successo di Spotify inizia presto: il primo milione di dollari arriva nel giro di qualche mese, ma nel frattempo la società non ha mai smesso di innovarsi, diventando così tra le più importanti piattaforme a offrire musica in streaming (oltre alla prima).

Il successo di Spotify dipende da due fattori: il primo è che la società non ha smesso mai di innovarsi, adattandosi alle diverse tecnologie che via via arrivavano sul mercato e rendendo possibile la sincronizzazione su più dispositivi (basta solo l’accesso all’account).

Il secondo è la semplicità d’uso e la possibilità di usare i servizi di Spotify con un abbonamento che è opzionale. Puoi usare anche la versione gratis, a patto di avere alcune limitazioni (come la pubblicità). In ogni caso, il numero di abbonati dimostra che il servizio resta al top della gamma.

I 100 milioni di utenti attivi al mese sono anche il segno che, nonostante i servizi di musica in streaming siano aumentati, non ci sia tanta voglia di aggiornarsi nella concorrenza. Sarà vero, oppure semplicemente Spotify offre qualcosa in più? Dicci la tua opinione in merito nei commenti e facci sapere come ascolti la tua musica preferita!