Attacco hacker ad Acer mette carte di credito a rischio

Un attacco hacker contro Acer metterebbe a rischio le carte di credito degli utenti.

0
95
attacco hacker contro acer

Un attacco hacker contro Acer metterebbe a potenziale rischio milioni di carte di credito. La notizia, trapelata oggi, causa imbarazzo alla nota società per PC. Ecco tutti i dettagli.

La notizia

Attacco hacker ad Acer mette carte di credito a rischio attacco hacker contro acer 2 TechNinja

Secondo la società che produce computer portatili e non solo in tutto il mondo, dal 12 Maggio 2015 al 28 Aprile 2016 qualcosa come 34500 carte di credito sarebbero state prese di mira dagli hacker. Acer non è stata in grado di dare spiegazioni per l’accaduto, ma ha informato con una lettera i malcapitati, evidenziando quali dati fossero a rischio.

Le persone coinvolte avrebbero fatto acquisti direttamente sul sito ufficiale della compagnia nel periodo critico e avrebbero inserito la carta di credito per farsi spedire il portatile a casa. Gli hacker avrebbero avuto accesso a dati come: data di nascita, numero della carta di credito, codice segreto della carta e indirizzo di casa dei malcapitati.

Con la lettera, Acer si scusa per quanto è successo e fornisce informazioni per sfuggire a eventuali furti di identità. La buona notizia, anche se non bellissima, è che i malcapitati abitano in Porto Rico, Stati Uniti e canada, quindi i clienti italiani sono salvi per quanto è dato sapere.

Il problema è che l’attacco sarebbe partito subito dopo la presentazione dei nuovi dispositivi da parte di Acer, cioè nel periodo di maggiori vendite. Fortunatamente, nonostante i numeri, questi si rivelano risicati rispetto al numero di clienti iscritti sulla piattaforma.

Sicurezza online

Attacco hacker ad Acer mette carte di credito a rischio attacco hacker contro acer 3 TechNinja

L’attacco hacker contro Acer ha fatto notizia perché è la prima volta che il sito ufficiale di una società informatica viene preso d’assalto dagli hacker e con un attacco che, secondo gli esperti, si attiva solo quando un dipendente “abbocca” a una mail fasulla.

In ogni caso, ora non sappiamo come l’attacco sia avvenuto e non ci sono nemmeno delle rivendicazioni in merito. L’unica cosa che possiamo fare e ricordare che i dati personali vanno protetti e che non bisogna mai rispondere a questo tipo di mail.

Quando si parla di società come Acer, poi, il danno d’immagine è inevitabile, soprattutto per un’azienda che crea dispositivi che sono considerati sicuri e all’avanguardia da anni. Per questo, la notizia ha fatto molto rumore, mentre da Acer già partivano i preparativi per risolvere la situazione in tempi rapidi.

Per l’Italia non dovrebbe esserci alcun rischio, perché i problemi si sono localizzati in zone ben definite, ma per gli utenti stranieri sarebbe il caso di controllare la carta di credito per evidenziare eventuali ammanchi. Nel frattempo, non ci resta che vedere come Acer si riprenderà da questa situazione.