Interazione sociale nella Realtà Virtuale: i suggerimenti di Google

In un post dedicato agli sviluppatori, Google suggerisce e consiglia le modalità per rendere possibile l'interazione sociale in ambito di Realtà Virtuale.

1
93
Google

Siamo abituati a pensare che il funzionamento dei visori di realtà virtuale, sia un’esperienza da vivere da soli, ma Google ha un parere diverso. Nel suo blog per gli sviluppatori ha pubblicato un post intitolato Daydream Labs: VR plays well with others, condividendo suggerimenti e conclusioni interessanti relativi agli esperimenti condotti nel campo dei social network.

In particolare, è stata evidenziata la semplicità e potenza dell’avatar che può essere semplificato anche mostrando solo la testa e gli occhi finti; in tal modo si continua a trasmettere emozioni, intenzioni e spunti sociali. Alle persone devono essere fornite degli occhi da guardare e verso cui parlare per rendere “umano” l’avatar e rendere possibile l’interazione.

Nel post viene suggerito come trasformare con successo l’esperienza multiplayer in app di realtà virtuale. Al primo avvio di un’esperienza VR con altre persone, può essere difficile sapere cosa fare e come rompere il ghiaccio. Creare obiettivi da condividere, nell’esperienza multiplayer, permette alle persone di interagire facilmente e fare amicizia. Per esempio, la costruzione di un puzzle può essere una soluzione per far collaborare due utenti e far vivere loro una nuova e divertente esperienza di gioco.