Getty lancia VR con 12.000 immagini

Getty Images ha lanciato un nuovo business che consentirà agli utenti una più ricca esperienza visiva, grazie alla distribuzione di immagini a 360°.

0
98

Getty Images, responsabile di molte delle immagini che si possono vedere sul web, ha lanciato una divisione VR chiamata Getty Images Virtual Reality Group. L’azienda sta scommettendo molto affermando che la realtà virtuale (con prodotti quali le cuffie Oculus Rift o HTC Vive) è il futuro dei media e non solo una moda passeggera. L’azienda ha già 12.000 immagini a 360 gradi, ma ne aumenterà considerevolmente il numero durante le Olimpiadi di Rio del 2016. Come agenzia ufficiale dell’evento, Getty equipaggerà ciascuno dei suoi fotografi con una fotocamera a 360 gradi, al fine di integrare le loro fotocamere normali.

La tecnologia è ancora agli esordi, ma ci si può aspettare di vedere VR diventare uno strumento importante per la narrazione visiva

afferma il CEO di Getty, Dawn Airey.

Tuttavia, la società non ha ancora molti dati su quali basarsi, così come le vendite Vive e Rift sono ancora in gran parte sconosciute. Nonostante questo, Samsung ha recentemente detto di aver venduto oltre un milione di cuffie Gear VR per i suoi smartphone Galaxy e Google ha venduto 5 milioni di spettatori di Cardboard viewes, a partire dall’inizio del 2016.

Getty lancia VR con 12.000 immagini 522510718 TechNinjaGetty lancia VR con 12.000 immagini

E’ un po’ difficile immaginare come Getty venderà le immagini a 360 gradi dal momento che, in genere, le sue immagini accompagnano le notizie o siti web aziendali che non sono esattamente maturi per VR.

Tuttavia, Getty ha un accordo con Google, grazie al quale fornisce foto VR ad alta risoluzione per Google Expeditions. Ha inoltre collaborato con Oculus Rift su di un’applicazione chiamata 360° View by Getty.

Il miglior utilizzo, secondo Getty, è probabilmente quello di far sentire gli utenti come se fossero proprio lì ad un evento.

La vasta gamma di contenuti a 360 gradi che produciamo, permette alle persone di accedere ad informazioni ed esperienze che in precedenza erano off limits.

dice Airey.