Pixelmator si aggiorna con importanti novità

Pixelmator giunge oggi alla versione 3.5, novità importanti per l'utenza

0
174

Utenti Pixelmator scaldate i vostri router perché UAB Pixelmator Team ha rilasciato un corposo aggiornamento che, a parere di chi scrive, fa compiere a questo software di fotoritocco altri passi avanti nella rincorsa al portabandiera della categoria che risponde al nome di Adobe Photoshop.
L’aggiornamento porta Pixelmator alla versione 3.5 ed aggiunge, oltre ai soliti miglioramenti alle prestazioni e risoluzione di bug, anche un paio di strumenti “smart” di selezione di porzioni di immagine, utilissimi per chiunque si diletti con questo genere di applicazioni.
Completa il pacchetto un miglioramento dell’estensione per Apple Foto, App preinstallata su ogni Mac “recente”.

Pixelmator si aggiorna con importanti novità %name TechNinja

Volendo entrare un attimo nel dettaglio le due novità cui accennato sopra si chiamano “Selezione Automatica” e “Selezione Magnetica”.
La prima implica la necessità, alfine di selezionare una porzione d’immagine, di colorare la zona cui siamo interessati, esattamente come nelle precedenti versioni. La differenza è nella capacità da parte del software di correggere eventuali imperfezioni in “presa diretta” così da velocizzare il lavoro all’utente.
Ancora più efficiente, a parere di chi scrive, è la modalità definita di “Selezione Magnetica”. Questa funzionalità, appena introdotta, consente all’utilizzatore del software di tracciare, anche grossolanamente, una linea intorno alla zona che interessa scontornare. Penserà l’algoritmo del software ad effettuare una selezione accurata.

L’estensione per Apple Foto è stata parecchio migliorata e dà la possibilità, nel caso in cui necessitassimo di apportare

Pixelmator si aggiorna con importanti novità %name TechNinja

esclusivamente modifiche basilari ad un’immagine, di provvedere a quanto desiderato senza neppure aprire Pixelmator. Infatti le palette riparazione, Clone, luce, e colore, ben note a chiunque abbia mai adoperato un programma di fotoritocco, saranno a nostra disposizione. Una volta applicate le modifiche del caso basterà un clic per salvare la “nuova” immagine sulla nostra libreria ed, eventualmente, su iCloud. Diversamente, qualora non fossimo soddisfatti del nostro operato, basterebbe un solo clic per annullare tutta l’operazione.
Detto quanto sopra, è opportuno far notare che, successivamente a questo aggiornamento, i problemi che attanagliavano gli utenti che usavano Pixelmator su un Mac con schermo retina sembrano finalmente risolti.
Aggiornamento promosso, pertanto, a pieni voti.