Ricevete uno strano sms da Apple? Attenzione, è una truffa!

Attenzione agli sms truffa che sembrano essere inviati da Apple. Ecco come proteggersi.

0
308
sms truffa

In redazione ci stanno arrivando diverse segnalazioni e, pertanto, reputiamo opportuno segnalare che in queste ore moltissimi users stanno ricevendo degli strani sms da Apple che, però, nascondono una vera e propria truffa. Si deve, quindi, fare molta attenzione a quello che si riceve.

Per evitarvi qualsiasi tipo di problema, vi diciamo cosa ci hanno segnalato moltissimi utenti, in modo da mettervi sull’attenti.

Sms truffa: non aprite i link

A dire il vero, in queste ore stanno circolando diversi sms che sembrerebbero arrivare da un account Apple.

Ricevete uno strano sms da Apple? Attenzione, è una truffa! sms truffa Apple TechNinja

Il primo chiede di cliccare su un link per andare a disdire alcuni acquisti iTunes, i cui costi variano dai 40 ai 70 euro. Naturalmente si tratta di acquisti che non sono mai stati fatti e già questo dovrebbe accendere in voi un campanello d’allarme. Non fate trarvi in inganno dal fatto che il mittente si Apple Support, perché la casa di Cupertino non manda questo tipo di sms. Siete davanti a un tentativo di truffa: fate attenzione e non aprite alcun link.

Ricevete uno strano sms da Apple? Attenzione, è una truffa! sms truffa Apple 2 TechNinja

Ma questo sms, scritto in inglese, non è l’unico che circola. Ce ne è anche un altro, scritto in un italiano rivedibile, che chiede all’user di andare a confermare quelli che sono i propri dati per l’aggiornamento del database degli utenti Apple. Anche in questo caso viene chiesto di cliccare su un link e si minaccia la cancellazione del proprio account se questo non viene fatto. Inutile dire che, anche in questo caso, si tratta di un palese fake e ci si ritrova dinanzi a un ulteriore tentativo di truffa!

Ricordiamo che la Apple non invia mai sms del genere e, pertanto, è consigliabile non cliccare mai su alcun link che viene indicato in questi testi che, come si nota, molto spesso sono anche decisamente sgrammaticati, cosa che la casa di Cupertino non permetterebbe mai, trattandosi di una azienda seria.