Un uomo vestito da Gesù arrestato in un Apple Store

Crede di essere Gesù e viene arrestato in un Apple Store di Philadelphia. Ecco tutti i dettagli.

0
1775

Una bizzarra storia che sembra l’incipit di una barzelletta: un uomo, travestito da Gesù, entra in un Apple Store a Philadelphia e viene arrestato.

La notizia ha fatto il giro del mondo e tutte le maggiori testate riportano la foto di quest’uomo che viene scortato fuori dalla polizia, dopo essersi rifiutato di lasciare volontariamente lo store. Ma chi è l’uomo in questione?

Un uomo vestito da Gesù arrestato in un Apple Store Philly Jesus 1024x768 TechNinja

L’uomo travestito da Gesù

Il protagonista della storia si chiama Micheal Grand, un giovane di 29 anni più noto come Philly Jesus. Il suo account Twitter pullula di messaggi alquanto deliranti, dato che crede di essere il figlio di Dio e non è nuovo a imprese di questo genere.

Proprio qualche anno fa era nuovamente balzato agli onori della cronaca per essere stato allontanato con la forza dopo l’ennesimo invito a lasciare la pista di pattinaggio sul ghiaccio di Dilworth Plaza, dove aveva deciso di recarsi nella sua simpatica tenuta che riprende in tutto e per tutto proprio quella di Gesù. Un personaggio molto strano, quindi, ma anche abbastanza noto non solo a Philadelphia, ma anche nelle zone limitrofe.

Sui suoi social ha fatto sapere di essere stato rilasciato poco dopo e che nessuno potrà fermarlo, perché conosce i suoi diritti. L’uomo ha proseguito dicendo che come sempre è perseguitato a causa della sua fede.

Che si tratti di uno scherzo o di una reale convinzione di essere il figlio di Dio, il ragazzo ha nuovamente fatto notizie e adesso tutto il mondo parla sia di lui che dell’Apple Store in cui è stato “beccato”. Che volesse comprare un iPad o un iPhone per mettersi in contatto con il divino? Chi lo sa, sta di fatto che, soprattutto negli Stati Uniti scene come questa sono all’ordine del giorno e molto spesso viene richiesto l’aiuto della polizia. In questo specifico caso, però, siamo sicuri che i dipendenti dell’Apple Store si siano anche fatti delle grasse risate.