WhatsApp bloccato in Brasile per 72 ore

Una recente sentenza, ha imposto a Facebook il blocco del servizio di messaggistica, in Brasile, per la durata di 72 ore. A beneficiare del bloccco sono stati Telegram e servizi di VPN.

0
80

Il giudice Marcel Montalvao, nello stato di Sergipe, in Brasile, ha ordinato di bloccare l’applicazione di messaggistica WhatsApp per tutti i dispositivi mobile in Brasile, per 72 ore, pena l’applicazione di una multa giornaliera di circa 140.000 dollari. I motivi legati a questa dura sentenza non sono stati divulgati per motivi legali.

WhatsApp, in una dichiarazione, esprime la sua delusione per le sentenza che colpisce indirettamente più di 100 milioni di utenti che si affidano al servizio di messaggistica per comunicare o per gestire i propri affari.

WhatsApp bloccato in Brasile per 72 ore whatsapp problemi iOS TechNinja

Secondo alcune indiscrezioni, il tribunale aveva ordinato a WhatsApp di fornire i contenuti delle chat per un’indagine in corso su un traffico di droga. L’impossibilità di soddisfare la richiesta, in seguito all’implementazione della recente crittografia end-to-end, ha determinato la sospensione del servizio in tutto il territorio brasiliano.

Secondo blocco di  WhatsApp in cinque mesi

WhatsApp bloccato in Brasile per 72 ore Diego Dzodan1 TechNinja

Non è la prima interruzione che subisce il servizio di messaggistica più popolare. A metà dicembre dello scorso anno, è stato ordinata una sospensione di 48 ore, ma in quell’occasione dopo circa 12 ore fu revocata la sospensione.

Il giudice Marcel Montalvao, è lo stesso giudice che a marzo ha ordinato l’arresto del vice presidente di Facebook in America Latina, Diego Dzodan,  per il mancato rispetto di un blocco di WhatsApp.

Per raggirare il blocco, molti utenti in Brasile hanno installato il servizio VPN Hotspot Shield che maschera l’indirizzo IP e può essere utilizzato per accedere ai servizi anche quando sono stati vietati. Durante la prima ora di blocco di WhatsApp, 82.000 utenti hanno installato il VPN di Hotspot Shield.

A beneficiare del blocco del servizio di 72 ore di WhatsApp, è stato il concorrente del servizio di messaggistica Telegram. Pur offrendo ai propri utenti la possibilità di inviare e ricevere messaggi cifrati, Telegram, ha anche la possibilità di accedervi nel caso in cui le autorità dovessero farne richiesta per eventuali indagini.