Usi Tor e VPN? Attento alla regola 41!

Chi usa i server privati o il Deep Web rischia di vedersi perquisito il server da mandato con la regola 41 negli States.

0
338
tor e vpn

Tor e VPN sono due componenti del Deep Web, cioè il Lato Oscuro di Internet, dove ci si muove illegalmente o, comunque, dove non è possibile arrivare con una semplice ricerca su Google. Ecco cosa sta succedendo in America.

Cosa significa?

Negli Stati Uniti, si sta discutendo sulla modifica della Regola 41 del codice di procedura penale americano. Senza andare nella giurisprudenza, se qualcuno utilizza il Deep Web a fini illegali, gli inquirenti possono chiedere un mandato per sequestrare il server e vedere cosa contiene.

In questo modo, però, chiunque semplicemente decida di non farsi rintracciare usando un VPN (= un server privato, che è semplicemente limitato a un certo numero di utenti, come può essere per giocare a un gioco per PC…), potrebbe essere oggetto di indagine di questo livello così avanzato per un semplice sospetto.

In più, secondo l’EFF (= Electronic Frontiers Foundation) per scovare degli hacker che diffondono virus sui server privati, gli inquirenti potrebbero anche decidere di mettere le mani sui canali delle potenziali vittime, sempre tramite mandato. A quel punto, addio alla privacy per gli americani.

Usi Tor e VPN? Attento alla regola 41! tor TechNinja

La regola 41 sarà ulteriormente in discussione al Congresso il prossimo Dicembre 2016. A quel punto, vedremo come si comporteranno per gli Stati Uniti gli utenti e le leggi.

Per l’Italia

Usi Tor e VPN? Attento alla regola 41! tpr 3 TechNinja

Per quanto riguarda l’Italia, c’è un organo di indagine che lavora proprio per scovare i reati legati al Deep Web, ovvero la Polizia Postale. Questa agisce su mandato solo se ci sono delle prime prove che ci sia un affare illecito dietro a un server privato e i risultati non mancano.

Ogni anno, la Polizia Postale trova chi diffonde copie pirata non protette dal diritto di autore, casi di pedofilia online, virus e attacchi di hacking, ecc., agendo sempre rispettando la privacy dei cittadini.

Per questo, per il nostro Paese, una discussione come quella che sta avvenendo negli States su Tor e VPN appare quanto mai surreale. Per gli americani, invece, soprattutto dopo quanto avvenuto tra FBI ed Apple, la cosa appare molto seria, almeno dal lato della tutela della privacy. Non ci resta che aspettare Dicembre, per capire come andrà a finire la discussione.

Tu cosa ne pensi? Ti sembra giusto che si possa agire tramite mandato per sequestrare un server potenzialmente pericoloso? Oppure, deve essere tutelata a ogni costo la privacy dei cittadini? Raccontaci la tua esperienza e facci sapere cosa ne pensi, anche in rapporto sul modo di vivere il Web da noi e negli Stati Uniti.