iMessage basata sulle fonti rinnovabili

iMessage si basa completamente su impianti che usano energie rinnovabili. Ad annunciarlo Apple in un comunicato ufficiale, in occasione della Giornata Mondiale della Terra: ecco cosa c’è da sapere.

iMessage per l’#EarthDay 2016

iMessage basata sulle fonti rinnovabili iMessage TechNinja

Dopo aver risolto il bug che consentiva ad hacker improvvisati di scoprire i dati personali con un messaggio, Apple rilancia iMessage facendo questa dichiarazione alla stampa in occasione della Giornata Mondiale della Terra del 2016: chi invia un messaggio su iMessage tutela l’ambiente e non influisce sul consumo delle fonti combustibili, perché tutto funziona con impianti che usano energia rinnovabili.

In realtà, Apple non è nuova a queste dichiarazioni: già tempo fa l’azienda di Cupertino aveva informato gli utenti che i suoi centri di smistamento dati erano completamente alimentati con energie rinnovabili, mentre il 75% dell’energia usata per uffici e strutture simili era rinnovabile. In più, anche il secondo Campus di Apple dovrebbe essere interamente eco-compatibile, anche dal punto di vista energetico.

Il messaggio è chiaro: Apple rispetta l’ambiente, gli altri non si sa. Un ottimo modo di comunicare, che sta già portando i suoi frutti e che è diventato un mantra per Apple: dall’Apple Car elettrica, passando alla campagna per recuperare più parti possibili degli iPhone messi in commercio per realizzare nuovi gioielli tecnologici, tutto quello che tocca Apple sembra green. Ovviamente, è solo pubblicità.

iMessage: l’annuncio ufficiale

iMessage basata sulle fonti rinnovabili imessage TechNinja

L’annuncio ufficiale resta però il modo più semplice e gratis per comunicare con gli utenti e, di conseguenza, guadagnare di più, soprattutto ora che sono stati annunciati i nuovi modelli presto sul mercato.

Se Apple estendesse questa strategia a tutte le app sviluppate, allora sì che si parlerebbe di soldoni: basti pensare che, dal recupero degli iPhone, si sono recuperati più di 40 milioni di dollari. Un vero affare a costo zero per l’azienda di Cupertino, che ha saputo sfruttare anche la ricorrenza per tirare acqua al proprio mulino.

Strategia di comunicazione o semplice fortuna, ora sarà il caso di vedere come andranno le vendite dei nuovi modelli, dato che qualche rumors comincia ad accusare Apple di presentare modelli troppo cari rispetto alle richieste del mercato. Rumors che potrebbero essere zittiti proprio da questa impronta ecologica pari a zero (almeno, secondo la pubblicità).

Cosa ne pensi di questa strategia di comunicazione? Sarà vincente o solo una trovata che lascia il tempo che trova? Lascia un commento per farci sapere la tua opinione, anche sui nuovi iPhone annunciati da Apple e per ora nei sogni di chi abita in Italia!